11 anni fa il tragico rogo ThyssenKrupp “Il governo faccia finalmente giustizia!”

06/12/2018

CONDIVIDI

"A noi, ai nostri ragazzi e a tutta Italia si deve una giustizia negata per undici anni"

11esimo anniversario del tragico rogo alla ThyssenKrupp di Torino. Era la notte fra il 5 e 6 dicembre 2007, quando, poco dopo l’una, nello stabilimento dell’azienda tedesca, fra le più importanti in Europa nel settore siderurgico,  sette operai furono investiti da una fuoriuscita di olio bollente, che prese fuoco.

I vigili del fuoco furono subito allertati dai colleghi: arrivarono le ambulanze e in breve i feriti vennero trasferiti in ospedale. Poi iniziò il tragico bollettino: alle 4 del mattino muore Antonio Schiavone. Nei giorni successivi moriranno le altre sei persone ferite in modo gravissimo dall’olio bollente: Giuseppe Demasi, Angelo Laurino, Roberto Scola, Rosario Rodinò, Rocco Marzo e Bruno Santino.

L’unico superstite e testimone oculare fra gli operai coinvolti nell’incidente sarà Antonio Boccuzzi, sindacalista UILM, il cui ruolo sarà centrale nella denuncia delle colpe dell’azienda.

“Oggi finalmente ci rappresenta lo Stato, speriamo che il ministro si prenda pubblicamente l’impegno di aiutare i nostri figli perché possano finalmente avere giustizia!”. Sono le parole pronunciate oggi a Torino da Rosina Demasi, mamma di Giuseppe, uno dei sette operai morti nel rogo di 11 anni fa.
Atteso al cimitero di Torino per onorare la memoria di chi perse la vita anche il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede.
Rosina Demasi ha aggiunto, ripresa dall’agenzia Ansa: “In undici anni non siamo ancora riusciti ad ottenere giustizia, con i due assassini tedeschi ancora liberi. Per questa ragione continuiamo ad essere indignati Devono pagare, perché sono stati condannati. A noi, ai nostri ragazzi e a tutta Italia si deve una giustizia negata per undici anni”.

Leggi anche

26/03/2019

Occupazione ex scuola di Barriera – Sciretti (Lega): “Intervenire subito, 6° circoscrizione non sia ricettacolo di tutti i problemi”

“La sesta circoscrizione non sia ricettacolo di tutti i problemi della Città di Torino”. L’occupazione dell’ex […]

leggi tutto...

26/03/2019

Occupazione Anarchici, le reazioni: “Nuovo Asilo non deve passare la notte o lo Stato perde braccio di ferro con anarchici”

L’occupazione della scuola Salvo D’Acquisto in via Tollegno a Torino accende nuove preoccupazioni sul territorio. Gli […]

leggi tutto...

26/03/2019

“L’Asilo Occupato è tornato” Gli anarchici occupano la scuola ex Salvo D’Acquisto “Pronti a lottare”

Con uno striscione appeso fuori dalla struttura gli anarchici hanno spiegato in una frase le loro […]

leggi tutto...