300.000 uova contraffatte destinate alla grande distribuzione– La scoperta dei Nas

30/12/2018

CONDIVIDI

Imprenditrice 40enne indagata per frode in commercio e vendita di prodotti con segni mendaci

Conservate in condizioni igieniche alquanto precarie, con il codice identificativo falsificato o persino assente.

Sono state sequestrate dai carabinieri del Nas di Alessandria, in collaborazione con i colleghi dei Nas di Torino e Genova e i veterinari Asl di Asti oltre 300 mila uova trovate in un deposito abusivo in provincia di Asti, proprietà di un’imprenditrice astigiana di 40 anni, ora indagata dalla procura di Asti per frode in commercio e vendita di prodotti con segni mendaci.

Decine le perquisizioni effettuate dai carabinieri in tre centri di imballaggio del Torinese e in 18 punti vendita della grande distribuzione a Torino, Asti, Alessandria e Genova.
Le indagini continuano per accertare la provenienza delle uova: alcune riportavano codici identificativi di altre aziende ignari della frode.

Leggi anche

22/01/2019

Rinasce piazza Arbarello – Il progetto la renderà una nuova risorsa per la città

E’ stato approvato oggi dalla giunta comunale il progetto definitivo in linea tecnica per la riqualificazione […]

leggi tutto...

22/01/2019

Parcheggiatori abusivi al San Giovanni Bosco, il fenomeno dilaga – “Appendino applicherà il Decreto contro di loro?”

Parcheggiatori abusivi, una presenza radicata nei pressi dell’ospedale San Giovanni Bosco, il più importante alla periferia […]

leggi tutto...

22/01/2019

Violenza sulle donne in Piemonte – Un numero sempre maggiore chiede aiuto

“In Piemonte ci sono in media due richieste alla settimana al Fondo per il sostegno alle […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy