300.000 uova contraffatte destinate alla grande distribuzione– La scoperta dei Nas

30/12/2018

CONDIVIDI

Imprenditrice 40enne indagata per frode in commercio e vendita di prodotti con segni mendaci

Conservate in condizioni igieniche alquanto precarie, con il codice identificativo falsificato o persino assente.

Sono state sequestrate dai carabinieri del Nas di Alessandria, in collaborazione con i colleghi dei Nas di Torino e Genova e i veterinari Asl di Asti oltre 300 mila uova trovate in un deposito abusivo in provincia di Asti, proprietà di un’imprenditrice astigiana di 40 anni, ora indagata dalla procura di Asti per frode in commercio e vendita di prodotti con segni mendaci.

Decine le perquisizioni effettuate dai carabinieri in tre centri di imballaggio del Torinese e in 18 punti vendita della grande distribuzione a Torino, Asti, Alessandria e Genova.
Le indagini continuano per accertare la provenienza delle uova: alcune riportavano codici identificativi di altre aziende ignari della frode.

Leggi anche

19/06/2019

Ex presidente del Cai precipita da un canale in montagna e perde la vita

Aveva 76 anni Tony Caranta, ex presidente del Cai di Cuneo, già dirigente di Confindustria e […]

leggi tutto...

19/06/2019

Tragedia nel Torinese – Sale sul tetto per riparare l’antenna, cade e muore

Tragedia nel pomeriggio di oggi, mercoledì 19 giugno, nel Torinese. Un uomo di 78 anni, ex […]

leggi tutto...

19/06/2019

Blatte ed escrementi di piccione – Sequestrati oltre 100 kg di alimenti in locale di San Salvario

Nell’ambito dei servizi straordinari di controllo del territorio disposti dal Questore di Torino, volti a prevenire […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy