300.000 uova contraffatte destinate alla grande distribuzione– La scoperta dei Nas

30/12/2018

CONDIVIDI

Imprenditrice 40enne indagata per frode in commercio e vendita di prodotti con segni mendaci

Conservate in condizioni igieniche alquanto precarie, con il codice identificativo falsificato o persino assente.

Sono state sequestrate dai carabinieri del Nas di Alessandria, in collaborazione con i colleghi dei Nas di Torino e Genova e i veterinari Asl di Asti oltre 300 mila uova trovate in un deposito abusivo in provincia di Asti, proprietà di un’imprenditrice astigiana di 40 anni, ora indagata dalla procura di Asti per frode in commercio e vendita di prodotti con segni mendaci.

Decine le perquisizioni effettuate dai carabinieri in tre centri di imballaggio del Torinese e in 18 punti vendita della grande distribuzione a Torino, Asti, Alessandria e Genova.
Le indagini continuano per accertare la provenienza delle uova: alcune riportavano codici identificativi di altre aziende ignari della frode.

Leggi anche

22/03/2019

Ancora roghi e devastazione – Brucia una riserva naturale, fiamme alte dieci metri

E’ ancora emergenza incendi in queste ore: fiamme alte una decina di metri stanno distruggendo la […]

leggi tutto...

22/03/2019

Valore immobili a Torino– Crolla prezzo case a Madonna di Campagna e Lucento. Male anche San Salvario

Nel 2018 è aumentato il numero del le zone con differenze in termini di valori percentuale […]

leggi tutto...

22/03/2019

Allarme siccità nei campi – In grave crisi grano, orzo e foraggio

La lunga assenza di piogge è ormai un incubo per i campi piemontesi. L’allarme siccità continua: […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy