300.000 uova contraffatte destinate alla grande distribuzione– La scoperta dei Nas

30/12/2018

CONDIVIDI

Imprenditrice 40enne indagata per frode in commercio e vendita di prodotti con segni mendaci

Conservate in condizioni igieniche alquanto precarie, con il codice identificativo falsificato o persino assente.

Sono state sequestrate dai carabinieri del Nas di Alessandria, in collaborazione con i colleghi dei Nas di Torino e Genova e i veterinari Asl di Asti oltre 300 mila uova trovate in un deposito abusivo in provincia di Asti, proprietà di un’imprenditrice astigiana di 40 anni, ora indagata dalla procura di Asti per frode in commercio e vendita di prodotti con segni mendaci.

Decine le perquisizioni effettuate dai carabinieri in tre centri di imballaggio del Torinese e in 18 punti vendita della grande distribuzione a Torino, Asti, Alessandria e Genova.
Le indagini continuano per accertare la provenienza delle uova: alcune riportavano codici identificativi di altre aziende ignari della frode.

Leggi anche

21/07/2019

Incidente ‘spettacolare’ in corso Moncalieri – Auto travolge vetture parcheggiate, le foto

Questa notte, domenica 21 luglio alle ore 3.30 circa, a Torino, si è verificato uno spettacolare […]

leggi tutto...

21/07/2019

Cto – Importante intervento di sole donne: reimpiantata mano ad un paziente

L’intervento, al Cto di Torino, è durato nove ore. all’interno dell’importante struttura ospedaliera della città un’ […]

leggi tutto...

21/07/2019

50 anni dell’uomo sulla luna – Sulla Mole l’omaggio all’impresa

L’astronauta Neil Amstrong che passeggia sul suolo lunare, l’anno in cui ciò è avvenuto, il 1969, […]

leggi tutto...