Alberto (Api): “A Torino manca politica industriale” – E Nosiglia raduna imprenditori, istituzioni e sindacati.

02/01/2020

CONDIVIDI

La Diocesi riunisce a Torino imprenditori, sindacati e istituzioni

Si svolgerà in questi giorni, a Torino l’incontro fra imprenditori, sindacati e istituzioni, riuniti dalla diocesi  per trovare una soluzione alla crisi del lavoro in città e nella provincia.
“Non ci si può limitare a una vicinanza a parole ai tanti che hanno perso il lavoro o temono di perderlo” – aveva spiegato nei giorni di Natale l’arcivescovo di Torino, Cesare Nosiglia, aggiungendo. “Vogliamo anticipare le trasformazioni che si stanno abbattendo sul nostro territorio e che potrebbero avere gravi conseguenze sul piano occupazionale”.

Sul nuovo tavolo di lavoro e l’impegno della diocesi di Torino è positivo il commento di Corrado Alberto, presidente di Api, Associazione Piccole e Medie Industrie: “Stupisce che sia la Curia a doversi fare carico di un tavolo del lavoro, ed è ammirevole l’impegno della diocesi che conferma il fatto che manchi una visione di politica industriale sul nostro territorio”.

Così ha commentato Alberto, intervistato da Repubblica. “L’iniziativa dell’arcivescovo Nosiglia è lodevole. Ma c’è da chiedersi: per quanto tempo ancora le istituzioni saranno latitanti rispetto alla situazione economica della città? Qui si tratta di attirare investitori e non puo’ certo farlo Nosiglia”.

Corrado elenca poi una serie di dati, preoccupanti, che riguardano il territorio:

“I fatturati delle aziende sono i calo, gli investimenti pure e anche i posti di lavoro. Inoltre, fra il 2017 e il 2018 con industria 4.0 le imprese hanno investito molto. Si sono esposte finanziariamente e il rischio che la tenuta economica frani è dietro l’angolo. Ciò che manca a Torino e provincia – conclude il presidente di Api: “è una politica industriale. Nessuno sa se questo territorio intenda per il futuro puntare ancora sulla manifattura. Sono stati promessi i 100 milioni per l’area di crisi, ma non se ne sa piu’ niente”.

Leggi anche

23/02/2020

Pasticcio del 118 – Inviata ambulanza sbagliata al primo malato di Torino, equipaggio in quarantena

Pasticcio del 118 a Torino: è stata inviata l’ambulanza sbagliata a casa dell’uomo di 40 anni, […]

leggi tutto...

23/02/2020

Coronavirus- Tende da campo davanti a tutti i Pronto Soccorso in Piemonte

L’assessore regionale alla Sanità del Piemonte, d’intesa con il coordinatore dell’Unità di crisi regionale sul “coronavirus […]

leggi tutto...

23/02/2020

Emergenza Coronavirus – Chiuse a Torino scuole, cinema e musei

La Regione Piemonte sta prendendo le contromisure per evitare il diffondersi del coronavirus. In tutta la […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy