Altri quintali di bombe carta e botti sequestrati – Due arresti fra cui un anziano già fermato per pedofilia

31/12/2018

CONDIVIDI

Fuochi illegali venduti sotto banco anche al mercato di piazza Foroni

Le operazioni della Polizia di questi giorni hanno consentito di sequestrare circa 400 kg lordi di materiale pirotecnico illegale e pericoloso. Prodotti che possono essere venduti solo nelle fabbriche di produzione e solo a persone in possesso di abilitazioni professionali specifiche.
Sottoposti a sequestro anche diversi chili di polvere da sparo, cartucce di differenti calibri, armi, denaro contante e magazzini.

I poliziotti hanno arrestato un cittadino italiano di 66 anni per il reato di detenzione illegale di armi di munizioni, di esplosivi e aggressivi chimici.
L’uomo era già stato arrestato nel 2015 per lo stesso tipo di reato ed era attualmente sottoposto alla misura della messa in prova presso la Protezione Civile in relazione al reato di pedofilia accertato nello stesso anno.
In un esercizio abusivo in via Verolengo a Torino il 66enne si occupava della vendita al dettaglio del materiale esplosivo, utilizzando il luogo anche come deposito merce. Le perquisizioni hanno cosnentito di trovare 54 artifici pirotecnici classificati F4 e F2 ma anche: una pistola antica calibro 36, 54 cartucce di diverso calibro, 4 sfollagenti telescopici e 3,5 kg. di polvere da sparo di diversa tipologia.

Gli agenti della Divisione Polizia Amministrativa e Sociale, inoltre, in piazza della Vittoria all’ angolo con via Villar, all’interno del mercato rionale, hanno fermato due cittadini italiani, entrambi 44enni, che esponevano su un banco per la vendita svariati fuochi pirotecnici, tra i quali materiale esplodente di categoria F2, non vendibile in forma ambulante, 119 confezioni di materiale pirotecnico, sul quale, nell’etichetta sono state omesse le indicazioni previste dalla vigente normativa e 95 confezioni di petardi SUPER MAGNUM.

In via Boccardo i due custodivano prodotti esplodenti per circa 100 kg lordi. Nello specifico: 41 confezioni di differenti artifici, quasi tutti appartenenti alla categoria classificata F2, V gruppo C, con massa attiva che va dai 104 gr. fino ai 728 gr. QEN.

Ieri sera, sempre gli agenti della Polizia Amministrativa e Sociale hanno sequestrato in un alloggio in zona Alpignano 340 fuochi pirotecnici illegali e denunciato all’Autorità Giudiziaria due cittadini italiani. Sono prodotti non classificati poiché prodotti artigianalmente definiti comunemente “BOMBE CARTA” per la loro forma cilindrica e per l’elevata potenzialità distruttiva. Solo in questa circostanza sono stati sequestrati circa 120 kg lordi di materiali esplodenti.

Infine gli agenti del Commissariato “Barriera Milano” hanno arrestato un ragazzo italiano 25 anni, con precedenti di polizia, per detenzione illegale di armi, munizioni, esplosivi o aggressivi chimici. All’interno del mercato rionale di piazza Foroni i poliziotti hanno notato il giovane prelevare da sotto il banco un sacchetto per poi cederlo ad un acquirente.
Gli operatori sono intervenuti immediatamente accertando che si trattava di 22 grossi petardi privi di etichetta per un totale di circa 800 grammi e 8 fontane pirotecniche di categoria 5/C e F2. L’esame effettuato sul materiale esplosivo, da parte di personale specializzato, ha consentito di confermare la loro pericolosità. Si tratta di composti stabili fino all’innesco che però può avvenire con più modalità, accensione diretta di una fiamma, per riscaldamento o per urto violento, quindi anche nel maneggio accidentale.

Leggi anche

20/06/2019

Tragedia nel Torinese – Madre investe la figlia di 2 anni e la uccide

Dramma nella mattinata di oggi a Villarbasse, in provincia di Torino. Per dinamiche ancora da accertare […]

leggi tutto...

20/06/2019

Tir sbaglia manovra e centra un’auto – Traffico nel caos

Ha sbagliato la manovra di svolta da via Graf per imboccare via Pateri, a Nichelino. Un […]

leggi tutto...

20/06/2019

Torino in Europa League – Oggi è il giorno decisivo

Le prossime ore saranno decisive per il futuro granata, almeno quello a breve termine, legato alla […]

leggi tutto...