Blocco Euro 5, la protesta di Uncem “Accedere a Torino, per chi lavora o va a scuola è quasi impossibile”

08/01/2019

CONDIVIDI

"All'aumento di inquinanti nell'aria si reagisce ancora una volta senza un piano efficace strutturale"

Il blocco dei veicoli Euro 5 a Torino e in undici centri della cintura ha suscitato numerose reazioni negative. Fra queste l’intervento di Uncem, Unione Nazionale Comuni, Comunità ed Enti montani che prende atto con rammarico della notizia ed evidenzia come in questo modo la montagna risulti sempre più lontana, rendendo difficilissimo per coloro che studiano o lavorano raggiungere la città

“Il blocco dei veicoli euro 5 aumenta le distanze tra città e aree rurali.è il messaggio di Uncem:

“La montagna è sempre più distante da Torino. Accedere al capoluogo, per chi lavora e per chi va scuola diventa difficilissimo. Quasi impossibile. Mancano parcheggi di interscambio gratuiti (non solo a Torino, ma anche alle porte degli altri Comuni. Mancano reti di trasporto efficaci per il collegamento con le aree montane. Basti pensare ai disagi continuamente registrati, da mesi, sulla ferrovia canavesana oppure alla chiusura della ferrovia Pinerolo-Torre Pellice. All’aumento di inquinanti nell’aria si reagisce ancora una volta senza un piano efficace strutturale, che ad esempio veda coinvolti i condomini nel sostituire vecchi impianti di riscaldamento.

Uncem è perplessa e preoccupata. Perché da domani, chi da Pont Canavese o da Pomaretto o da Andrate o da altri 295 Comuni della provincia deve raggiungere Torino e ha un’auto immatricolata sei o otto anni fa, deve rimanere a casa. O sfidare il blocco e sperare di non essere sanzionato per poter raggiungere il posto di lavoro, il negozio, la scuola o l’università. Così, non cresce certo la coesione tra sistemi territoriali del Piemonte. E probabilmente non scenderanno neanche i livelli di pm10 o di altri inquinanti che nel bacino padano vanno abbattuti con azioni durature nel tempo, strutturali, meno polarizzanti tra territori diversi. Città e valli alpine diventano più lontani”.

Leggi anche

25/03/2019

Ancora un disastro per gli incendi – In pericolo il santuario di Belmonte, patrimonio dell’Unesco

Un nuovo grande incendio boschivo sta devastando la riserva naturale del Sacro Monte di Belmonte, tra […]

leggi tutto...

25/03/2019

Rade al suolo un bosco per fare un noccioleto – Abbattuti ciliegi, pioppi e querce – Denunciato dai carabinieri

E’ stato denunciato dai Carabinieri Forestali di Nizza Monferrato un sessantenne di Mombercelli per aver raso […]

leggi tutto...

25/03/2019

Tragedia piazza San Carlo – Chiesti 14 anni per i componenti della banda dello spray

La Procura di Torino ha chiesto oggi quattro condanne a 14 anni di carcere per i […]

leggi tutto...