Bomba via Nizza – In 50.000 dovranno chiudersi in casa, decine di voli cancellati

29/11/2019

CONDIVIDI

Sarà allestito un centro di accoglienza nei padiglioni 2 e 3 di Lingotto Fiere

Sono circa 60mila le persone coinvolte domenica 1 dicembre per la messa in sicurezza della bomba riaffiorata in via Nizza, all’angolo con via Valperga Caluso, dove sono in corso i lavori per il teleriscaldamento.
In particolare, sono quasi 10mila persone, che risiedono nella ‘zona rossa’ e che dovranno lasciare le proprie case. Quest’area è delimitata da via Campana, fino al fondo di piazza Nizza. E da via Madama Cristina fino ai binari della ferrovia. Nella zona rossa le case dovranno essere vuote e le strade libere.

Le 50mila persone che risiedono nella zona gialla possono restare nelle proprie abitazioni. Non potranno uscire, nemmeno su balconi e terrazzi durante le operazioni.

L’ampia zona gialla di quasi un chilometro quadrato, è delimitata da corso Dante, corso Massimo d’Azeglio, corso Re Umberto e l’asse di via Legnano e via Baretti. Qui saranno sospese tutte le attività di negozi, bar e ristoranti per ragioni di sicurezza, durante le operazioni. L’onda d’urto di una potenziale esplosione, infatti, potrebbe essere avvertita anche a seicento metri di distanza.

L’ordigno della Seconda Guerra Mondiale sarà disinnescato con uno strumento chiamato ‘Swordfish’ (pesce spada).
Le operazioni sono previste domenica 1 dicembre e saranno condotte dai militari del 32esimo Reggimento Genio Guastatori della Taurinense. I lavori inizieranno alle 7 e potrebbero durare fino ad un massimo di 7 ore (al massimo, dunque, fino alle 14).

Le operazioni di evacuazione delle persone, animali e dello spostamento veicoli dalla zona rossa dureranno dalle 7 fino alle 9 del 1°dicembre. Per i cittadini saranno messi a disposizione gratuitamente i parcheggi del Valentino.

Per chi, residente in zona rossa, non ha la possibilità di avere una sistemazione temporanea, sarà allestito un centro di accoglienza nei padiglioni 2 e 3 di Lingotto Fiere, in via Nizza 294, con assistenza sanitaria, veterinaria e distribuzione pasti.

Chiuso, infine, in via precauzionale lo spazio aereo a partire dalle 9. Per questa ragione rischiano di essere cancellati 34 voli da Caselle.
E sarà inoltre chiusa, dalle ore 8:30 di domenica, anche la metropolitana tra Lingotto e Porta Nuova. Gtt provvederà a garantire collegamenti alternativi su questo tratto.

Leggi anche

19/01/2020

In arrivo un nuovo sciopero Gtt, ma i disagi continueranno per un mese: “Diremo no agli straordinari”

Venerdì 24 gennaio 2020 è previsto uno sciopero aziendale di 24 ore del settore trasporto pubblico […]

leggi tutto...

19/01/2020

Rissa e irregolarità – Chiusa nota discoteca di Torino

Il personale del Commissariato Barriera Nizza ha notificato al titolare della discoteca Ottantaquattro di corso Massimo […]

leggi tutto...

19/01/2020

Sfrattato l’Imbarco Perosino al Valentino – Un altro storico locale di Torino rischia di chiudere

Rischia seriamente la chiusura lo storico locale dell’imbarco Perosino, aperto dalla famiglia omonima nel lontano 1936 […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy