Buciarono manichini di Salvini e Di Maio in piazza – Altri 3 denunciati

CONDIVIDI

Avevano costruito tre manichini con le facce dei vicepremier Salvini e Di Maio e nel corso della manifestazione studentesca d i Torino dello scorso 12 ottobre, li avevano esposti in piazza Castello e poi dati alle fiamme.
Tre componenti dei gruppi Ksa e Studenti Indipendenti sono stati denunciati in concorso per vilipendio delle istituzioni. Sono ragazzi italiani di 18,19 e 23 anni.
Due di loro, inoltre, hanno violato anche l’art. 18, che prevede l’obbligo per i promotori di una riunione di darne avviso tre giorni prima al questore e sono stati denunciati anche per questo motivo.

Gli studenti, durante la manifestazione organizzata dal Kollettivo studenti di Torino contro la manovra del governo sulla scuola, avevano percorso per un tratto un itinerario diverso da quello stabilito, e arrivati sotto la prefettura hanno dato fuoco alle immagini dei due ministri.

Già identificate, negli scorsi giorni, due ragazze di 17 e 18 anni vicine al centro sociale Askatasuna, per vilipendio delle istituzioni e per accensione del fumogeno.

A seguito dell’episodio Salvini aveva definito “schifosa” l’azione di bruciare la sua immagine in piazza o quella di chiunque altro.
Più paternalistico Di Maio, che considera il reato di vilipendio alle istituzioni ormai desueto e ha dichiarato: “Peferirei incontrare i ragazzi e spiegarli le ragioni della manovra”.

Leggi anche

25/03/2019

Ancora un disastro per gli incendi – In pericolo il santuario di Belmonte, patrimonio dell’Unesco

Un nuovo grande incendio boschivo sta devastando la riserva naturale del Sacro Monte di Belmonte, tra […]

leggi tutto...

25/03/2019

Rade al suolo un bosco per fare un noccioleto – Abbattuti ciliegi, pioppi e querce – Denunciato dai carabinieri

E’ stato denunciato dai Carabinieri Forestali di Nizza Monferrato un sessantenne di Mombercelli per aver raso […]

leggi tutto...

25/03/2019

Tragedia piazza San Carlo – Chiesti 14 anni per i componenti della banda dello spray

La Procura di Torino ha chiesto oggi quattro condanne a 14 anni di carcere per i […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy