Buste con polvere sospetta inviata a Lavazza, Ferrero e Vergnano – “Se non pagate vi avveleniamo”

06/04/2019

CONDIVIDI

Alla Lavazza è scattato il protocollo di emergenza

Buste con minacce e tentativi di estorsione sono state recapitate al quartier generale della Lavazza e nello stabilimento del Caffè Vergnano di Santena (Torino).

Le buste sono state inviate dal Belgio e contenevano una lettera scritta in inglese oltre ad una polvere che, dopo le analisi, è stato appurato non essere radioattiva ma forse una sostanza velenosa se ingerita.
Alla Lavazza è scattato il protocollo di emergenza: immediato intervento dei vigili del fuoco e del Nucleo chimico e batteriologico, oltre ai  carabinieri alla Digos: sette dipendenti della Lavazza sono stati trattenuti in isolamento fino alla comunicazione de risultati dell’istituto Zooprofilattico sulla tossicità della polvere.

Nella busta una lettera scritta al computer, che chiede 300mila euro per non avvelenare il caffè. “Se non ci date i soldi vi avveleniamo i prodotti”, la scritta in inglese.

Poche ore dopo un’altra busta con analoga minaccia è stata recapitata allo stabilimento della Ferrero, ad Alba (Cuneo). Polizia e carabinieri continuano le indagini e stanno valutando tutte le ipotesi.

Leggi anche

16/02/2020

Torinese di 20 anni muore di anoressia – L’accusa dei genitori “Lo Stato ci ha abbandonato”

La denuncia dei genitori di Lorenzo Seminatore è durissima: “Non ci sono in Italia strutture pubbliche […]

leggi tutto...

16/02/2020

Al via una raffica di cantieri in città – E da domani passerella olimpica dimezzata

Il Comune di Torino informa che in questi giorni diverse strade, passerelle, viadotti e sottopassi cittadini […]

leggi tutto...

16/02/2020

Sbanda con l’auto e si schianta contro il guard rail – Muore una donna di 46 anni

Ancora un tragico incidente lungo le strade del Torinese: alle 3 di questa notte, domenica 16 […]

leggi tutto...