Caos a Porta Nuova con intervento Polizia – In 5 immobilizzano un nigeriano IL VIDEO

21/12/2018

CONDIVIDI

Il cento sociale Gabrio posta il video con il titolo “Violenze della Polizia"

L’episodio è avvenuto nell’androne della stazione ferroviaria di Torino Porta Nuova. Un nigeriano è terra, mentre 5 poliziotti lo stanno bloccando tentando di immobilizzarlo . Forse troppo numerosi, secondo alcuni presenti e forse anche secondo chi ha ripreso la scena dal telefonino che poi è stata pubblicata sulla pagina facebook dal cento sociale Gabrio sotto il titolo “Violenze della Polizia”.
I 5 sono due militari dell’esercito e tre poliziotti.

“Ricordatevi che è un essere umano anche lui”, sono le parole di un gruppo di ragazzi che osservano quanto sta accadendo. “Certo, ma ha visto cosa e successo?”, replica un agente che poi vuole mostrare i segni di un morso ricevuto dall’uomo che si è rivelato essere un 26enne nigeriano, senza fissa dimora.

“Perché non fai vedere quello che ha fatto davvero?”- chiede il poliziotto alla ragazza che riprende?
Dopo il fermo dell’uomo, che avrebbe opposto resistenza alla richiesta dei documenti a parte degli agenti,  i tre poliziotti sono finiti all’ospedale per le cure, mentre il ventiseienne è stato accusato di resistenza e lesioni a pubblico ufficiale.

Il Centro sociale Gabrio, che ha postato il video sulla propria pagina facebook ha commentato:
“Per quanto ne sappiamo, grazie alla testimonianza di chi era presente sul posto, non c’era nessun motivo per questo fermo (come se possa esserci un motivo per un abuso di questo genere). Chi ha visto la scena riporta che i poliziotti prima urlavano “ce li hai i documenti??” e poi “te ne devi andare!!”. Poi dopo di che è stato strattonato e immobilizzandolo al muro.
Sentendosi osservati dai passanti i poliziotti hanno provato ad allontanarsi insieme al ragazzo che, provando a divincolarsi, è stato atterrato. Il ragazzo era arrivato in stazione con la valigia rossa che si vede nel video e quindi (immaginiamo) dovesse prendere semplicemente un treno.”

Violenze della polizia alla stazione di Porta Nuova

Succedeva poco fa alla stazione di Porta Nuova a Torino!Un ragazzo bloccato a terra in modo violento da tre poliziotti e due militari.Chiediamo a tutte e tutti la massima diffusione!"E' un essere umano, ma lei ha assistito prima di parlare? A noi chi ci pensa? Invece di difenderli sempre!” Queste solo nel frasi urlate da un poliziotto questa mattina a Torino. Noi alla scena abbiamo assistito fin dall’inizio quando due poliziotti ,mezzi nascosti dietro una colonna della stazione di Porta Nuova, urlavano ad un ragazzo africano di andarsene provando a togliergli il cappuccio della giacca e immobilizzandolo al muro. Sentendosi osservati dai passanti i poliziotti hanno provato ad allontanarsi insieme al ragazzo che, provando a divincolarsi, è stato atterrato da 5 agenti in servizio fra polizia e esercito. Il resto emerge evidente e chiaro dalle immagini registrate. I poliziotti, oltre ad un uso illegittimo e ingiustificato della forza, innervositi da coloro che riprendevano la scena hanno iniziato a prendersela con chi chiedeva spiegazioni portando l’intera vicenda sul piano malato, ma a cui ormai siamo tutti ben abituati, del “o loro o noi”. L’isteria che emerge dal video, la completa mancanza di rispetto e la spavalderia mostrata dagli agenti non fanno altro che riflettere il clima che si respira in tutto il paese."

Publiée par Csoa Gabrio sur Vendredi 21 décembre 2018

 

 

Leggi anche

21/08/2019

Sestriere si candida ai Campionati Mondiali di sci

La lettera ufficiale alla Fisi, Federazione Italiana sport invernali, è stata inviata dal sindaco si Sestriere. […]

leggi tutto...

21/08/2019

Baby Gang picchia a sangue un negoziante perché li aveva rimproverati

Due gemelli che stavano festeggiando il sedicesimo compleanno hanno colpito violentemente un negoziante di 41 anni, […]

leggi tutto...

Barca

/

21/08/2019

Toro in fuga a Nichelino – Paura per automobilisti e pedoni

Avvistato libero questa mattina a Nichelino un toro, verosimilmente fuggito da un allevamento in zona. Gli […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy