Contenimento nutrie – Il piano pilota nei fiumi di Torino

09/08/2018

CONDIVIDI

La prima nutria è stata catturata sui bordi dei laghetti della Falchera

In seguito alla progettazione di un piano di contenimento delle nutrie, a cui ha partecipato il Garante per i diritti animali Enrico Moriconi insieme al Centro animali non convenzionali di Torino (Canc) e ai rappresentanti della Città Metropolitana di Torino, sono iniziate le operazioni nell’ambito dell’area dei fiumi di Torino.

La prima nutria è stata catturata sui bordi dei laghetti della Falchera ed è stato il primo animale che sia uscito vivo da una gabbia che solitamente viene usata per la cattura e la successiva soppressione.

Il progetto prevede la cattura con gabbie-trappola dei roditori, l’anestetizzazione dell’animale e il successivo intervento volto a impedire la capacità riproduttiva.

La prima nutria catturata ha dimostrato che il piano risponde alle finalità per cui è stato ideato e non procura danni agli animali, per cui a settembre inizieranno le operazione su scala più ampia”, ha spiegato Moriconi.

In altri centri, come Mantova, ci sono state richieste al Canc per esportare il piano in zone dove gli animali soggiornano in ambiti cittadini.

Leggi anche

Licenziamenti Hag e Splendid, dura replica “All’azienda interessano solo profitti, zero rispetto per i lavoratori”

Sulla chiusura dello storico stabilimento di Caffè Splendid e Hag di Andazeno, decisione presa dall’azienda che […]

leggi tutto...

Trionfo del Piemonte, primo posto al mondo come meta imperdibile 2019. La classifica di Lonely Planet

Prestigioso primato per la regione Piemonte, che si colloca in vetta alla classifica del Best in […]

leggi tutto...

Fermati i ‘cannibali delle fabbriche in disuso’ – Fra loro anche un 14 enne

Stavano tentando il furto di una grondaia di rame, della lunghezza di circa 40 metri, all’interno […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy