Controllo massiccio della Polfer a Porta Nuova – Identificate oltre 25.000 persone

11/09/2018

CONDIVIDI

Scortati quasi 3000 treni e identificati oltre 25.000 passeggeri, i dati della Polfer di Porta Nuova

Continuano i controlli nelle stazioni ferroviarie del Nord Italia: gli interventi hanno riguardato non solo i principali scali ferroviari italiani ma sono stati  effettuati anche a bordo del treno.

Il Compartimento Polizia Ferroviaria Piemonte e Valle d’Aosta ha intensificato le attività: Sono oltre 3000, secondo i dati comunicati dalla questura i servizi di vigilanza effettuati nelle stazioni e più di 300 quelli di pattugliamento lungo le linee ferroviarie, con l’identificazione di 23611 persone di cui 7949 straniere, 12 arresti e 180 denunciati.

Quasi un centinaio le contravvenzioni elevate ai sensi del Regolamento di Polizia Ferroviaria, mentre 14 sono state le proposte avviate alle Questure per l’adozione di misure di prevenzione.

Presenziati i convogli in arrivo e partenza, in particolare quelli della linea Alta Velocità, come Freccia Rossa, Italo e TGV e sono stati scortati 2755 treni. Il dispositivo messo in campo dalla Polizia Ferroviaria del Piemonte e Valle d’Aosta, nelle stazioni di Torino Porta Nuova e Porta Susa, ha visto la presenza anche di reparti specializzati della Polizia di Stato, quali il Reparto Mobile e le Unità Cinofile, messe a disposizione dalla locale Questura e dell’Esercito.

Importante anche l’impegno di prossimità svolta dalla Polfer Piemontese, in particolare all’indirizzo delle persone deboli e più indifese.
In particolare martedì, 4 settembre, gli agenti del Posto Polfer di Novi Ligure, impegnati in un servizio di scorta a bordo di un treno regionale proveniente da Genova e diretto a Porta Nuova, hanno rintracciato una ragazzina di 14 anni, di origini nigeriane, che si era allontanata da una comunità torinese alcuni giorni prima.
Immediata la segnalazione agli operatori del Posto Polfer di Asti: una volta giunto il convoglio in quello scalo, gli operatori hanno subito preso in consegna la ragazzina che è stata quindi affidata ad uno zio che abitava in città.

Leggi anche

20/01/2019

Il suo cuore smette di battere- Salvato in emergenza al Pronto Soccorso del Mauriziano

E’ stato salvato dai medici direttamente in una saletta del pronto soccorso dell’ospedale Mauriziano, a Torino, […]

leggi tutto...

20/01/2019

Omicidio all’Ex Moi – “Troveremo l’assassino, nessun crimine fermerà lo sgombero”

L’assassinio di Andrew Yamine, nigeriano di 33 anni colpito all’interno delle palazzine ex Moi con un […]

leggi tutto...

20/01/2019

Carabiniere investito da un pusher in bicicletta – Inseguito e arrestato

In sella alla propria bicicletta si spostava agevolmente e incontrava i clienti per spacciare droga. Un […]

leggi tutto...