Santander

E’ a Torino una delle aziende dove si lavora meglio in Italia: ecco quale

Torino

/

07/02/2018

CONDIVIDI

Dala sala yoga per i dipendenti alle macchinette con i sandwich bio

Benefit per i dipendenti, una polizza sanitaria per i familiari, corsi di running e yoga e un’attenzione alla salute che passa anche attraverso le macchinette take-away in azienda, dove trovare snack sani ecco perché Santander Consumer Bank Italia è stata ufficialmente certificata Top Employers 2018.

Un ricoscimento anche per la città

Un grande riconoscimento anche per la città di Torino, dove Santander Costumer Bank Italia ha la sua sede italiana e dove impiega 300 persone. La ricerca annuale, condotta da Top Employers Institute, certifica le migliori aziende del mondo in ambito HR e ne valuta processi e strumenti analizzando diversi ambiti. Valorizzazione dei talenti, pianificazione della forza lavoro, on-boarding, apprendimento e sviluppo, performance management, sviluppo della leadership, pianificazione di carriere, retribuzione e benefit, cultura aziendale. Santander Consumer Bank Italia, in base a questo studio che si basa su un’analisi indipendente molto approfondita, ha dimostrato di offrire eccellenti condizioni di lavoro, efficaci percorsi di formazione e interessanti opportunità di sviluppo anche per i giovani talenti.

In Piemonte  quattro le aziende premiate

In Piemonte, Santander Consumer Bank è una delle quattro aziende che sono state insignite del riconoscimento.
“Valorizzare le risorse umane è una vera e propria mission per il Gruppo Santander. Il nostro è un impegno costante, fondato sulla volontà di migliorarci e di sviluppare le potenzialità dei nostri colleghi”, spiega Alberto Merchiori, Amministratore Delegato e Direttore Generale di Santander Consumer Bank. “Sono loro l’elemento chiave per aiutare persone e imprese a crescere, per essere vicini alle esigenze dei nostri clienti e per innovare tutti i nostri servizi: prestiti, cessione del quinto, carte di credito, leasing, conti deposito”.

Guido Piacenza, responsabile risorse umane

“Riteniamo cruciale creare un ambiente di lavoro stimolante e costruttivo per tutti i dipendenti”, prosegue Guido Piacenza, Responsabile Risorse Umane e Organizzazione. “Questo significa investire nella formazione: nel 2017 abbiamo erogato per i nostri 622 dipendenti oltre 24.000 ore di corsi. Significa migliorare il benessere dei dipendenti attraverso il welfare aziendale e, ad esempio, una polizza sanitaria che consente check-up gratuiti a tutti i colleghi. Si concretizza anche in diverse iniziative di comunicazione interna per sensibilizzare i colleghi su come stare in salute, a partire dall’alimentazione, dall’attività sportiva, dall’equilibrio tra vita professionale e personale”.

Particolare attenzione per i millennials

“In più dedichiamo particolare attenzione ai giovani talenti: lo scorso anno 40 millennials, laureati, laureandi e studenti delle superiori, hanno potuto partecipare a tirocini curriculari ed extracurriculari o effettuare progetti di alternanza scuola-lavoro”, conclude Piacenza. “Una volta entrati nell’organico dell’azienda, sono poi seguiti con strutturati percorsi di on boarding; in molti casi hanno l’opportunità di conoscere la realtà internazionale di Santander direttamente presso l’headquarter di Madrid, di crescere attraverso la mobilità interna (sia in Italia sia nelle altre business unit del Gruppo) e di aderire a progetti intra-Gruppo. Se questa certificazione per noi è un riconoscimento importante, è anche un incentivo a migliorare ancora le condizioni di lavoro e le opportunità di sviluppo dei nostri colleghi”.

Leggi anche

11/12/2018

Chiuso dalla Polizia Kebab di via Nizza

E’ stato notificato al titolare del locale “Sa Diego Turkisk Kebab Pizza” di via Nizza, il […]

leggi tutto...

11/12/2018

Rapina nella discoteca di via Sacchi- Arrestati due marocchini

Un diciannovenne e un diciassettenne di origini marocchine, regolarmente residenti in Italia, sono stati arrestati dal […]

leggi tutto...

11/12/2018

Alta Velocità – Nuova Stazione a Chivasso: “La Regione non perda tempo”

“A che punto è il progetto della fermata dell’alta velocità a Chivasso?”: così Benito Sinatora, consigliere […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy