E’ torinese la scarpa più cara del mondo: costerà quasi 20 milioni di euro

09/11/2018

CONDIVIDI

"Una scarpa che mette insieme l'eccellenza italiane, grazie anche a tecnologie 3D, e il design arabo"

Sarà realizzata entro l’anno e diventerà la scarpa più costosa al mondo, superando (e non di poco)  il record attuale per una calzatura: 15,5 milioni di euro, questa la cifra da guinnes che in questo momento detiene il primato.
Ma non basta: l’artigiano Antonio Vietri, alias il Calzolaio d’Oro (come si si presenta nel suo biglietto da visita) promette di più: il prezzo per la sua ‘opera’ arriverà a 19,9 milioni di euro.

Antonio Vietri è campano di origine e torinese di adozione e ha dato l’annuncio della produzione  della nuova scarpa milionari durante la prima edizione del Mide, rassegna di fashion design che unisce Torino ed Emirati Arabi.

Dice il Calzolaio d’Oro:
Il prototipo è quasi finito. Si tratta di una scarpa che mette insieme la produzione e l’eccellenza italiane, grazie anche a tecnologie 3D e il design arabo. L’idea è di fare il lancio contemporaneamente a Torino e a Dubai“.

Per il 2019 Vetri, che fra i suoi clienti annovera ovviamente numerosi sceicchi,  si pone due obiettivi: allargare la propria azienda e aprire un punto vendita a Torino. Intanto, entro il 2018, ecco la scarpa da venti milioni di euro.

Leggi anche

26/03/2019

Occupazione ex scuola di Barriera – Sciretti (Lega): “Intervenire subito, 6° circoscrizione non sia ricettacolo di tutti i problemi”

“La sesta circoscrizione non sia ricettacolo di tutti i problemi della Città di Torino”. L’occupazione dell’ex […]

leggi tutto...

26/03/2019

Occupazione Anarchici, le reazioni: “Nuovo Asilo non deve passare la notte o lo Stato perde braccio di ferro con anarchici”

L’occupazione della scuola Salvo D’Acquisto in via Tollegno a Torino accende nuove preoccupazioni sul territorio. Gli […]

leggi tutto...

26/03/2019

“L’Asilo Occupato è tornato” Gli anarchici occupano la scuola ex Salvo D’Acquisto “Pronti a lottare”

Con uno striscione appeso fuori dalla struttura gli anarchici hanno spiegato in una frase le loro […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy