Fu licenziata per aver preso un monopattino dai rifiuti – I Giudici: “La donna deve tornare al lavoro”

11/01/2019

CONDIVIDI

La donna aveva recuperato da una collega il gioco portato nello stabilimento della Cidiu di Collegno

Il caso della donna di 41 anni Aicha Elisabethe Ounnadi fece scalpore: nel giugno del 2017 venne licenziata dalla Cidiu, azienda torinese che si occupa della raccolta dei rifiuti, perché aveva preso dalla spazzatura un monopattino destinato al macero, per regalarlo al figlio.
La donna si difese pensando che il gioco fosse il regalo di un collega, ma non questo non bastò a salvarle il posto
Nelle ultime ore è arrivata la sentenza dei giudici della sezione lavoro della Corte d’appello che hanno annullato la decisione dell’azienda, disponendo inoltre un risarcimento di 12 mensilità per la donna.

“Giustizia è stata fatta – hanno commentato subito dopo la sentenza gli avvocati della donna, Paola Bencich e Mara Artioli -.
“La soddisfazione è soprattutto dal punto di vista umano: la Corte ha riconosciuto che non si è trattato di furto”.

La donna aveva recuperato da una collega il gioco portato nello stabilimento della Cidiu di Collegno, e lo aveva regalato a suo figlio.

Leggi anche

26/03/2019

Occupazione Anarchici, le reazioni: “Nuovo Asilo non deve passare la notte o lo Stato perde braccio di ferro con anarchici”

L’occupazione della scuola Salvo D’Acquisto in via Tollegno a Torino accende nuove preoccupazioni sul territorio. Gli […]

leggi tutto...

26/03/2019

“L’Asilo Occupato è tornato” Gli anarchici occupano la scuola ex Salvo D’Acquisto “Pronti a lottare”

Con uno striscione appeso fuori dalla struttura gli anarchici hanno spiegato in una frase le loro […]

leggi tutto...

26/03/2019

Il caso – Borse di studio solo per italiani. Scoppia la polemica sull’Accademia delle Scienze di Torino

5 mila euro annuali per due borse di studio da assegnarsi “a una laureata (con laurea […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy