Fu licenziata per aver preso un monopattino dai rifiuti – I Giudici: “La donna deve tornare al lavoro”

11/01/2019

CONDIVIDI

La donna aveva recuperato da una collega il gioco portato nello stabilimento della Cidiu di Collegno

Il caso della donna di 41 anni Aicha Elisabethe Ounnadi fece scalpore: nel giugno del 2017 venne licenziata dalla Cidiu, azienda torinese che si occupa della raccolta dei rifiuti, perché aveva preso dalla spazzatura un monopattino destinato al macero, per regalarlo al figlio.
La donna si difese pensando che il gioco fosse il regalo di un collega, ma non questo non bastò a salvarle il posto
Nelle ultime ore è arrivata la sentenza dei giudici della sezione lavoro della Corte d’appello che hanno annullato la decisione dell’azienda, disponendo inoltre un risarcimento di 12 mensilità per la donna.

“Giustizia è stata fatta – hanno commentato subito dopo la sentenza gli avvocati della donna, Paola Bencich e Mara Artioli -.
“La soddisfazione è soprattutto dal punto di vista umano: la Corte ha riconosciuto che non si è trattato di furto”.

La donna aveva recuperato da una collega il gioco portato nello stabilimento della Cidiu di Collegno, e lo aveva regalato a suo figlio.

Leggi anche

17/07/2019

Un robot per combattere il cancro – Intervento ad alta tecnologia perfettamente riuscito a Torino

La nuova sfida dell’Istituto IRCCS di Candiolo (Torino), una struttura all’avanguardia, è puntare su una chirurgia […]

leggi tutto...

17/07/2019

Luca Zingaretti e l’addio a Camilleri: “Mi lasci con un senso incolmabile di vuoto”

oto”Dopo la scomparsa del popolarissimo scrittore Andrea Camilleri, 94 anni, papà del Commissario Montalbano e autore […]

leggi tutto...

17/07/2019

Allarme davanti a Decathlon – Uomo armato minaccia il suicidio

Con una pistola carica, con 15 colpi inseriti, si è recato davanti alla Decathlon di corso […]

leggi tutto...