“Hanno bruciato la Cavallerizza con la benzina” – L’inquietante accusa dei ragazzi del Collettivo

22/10/2019

CONDIVIDI

Intanto le attività della Cavallerizza Irreale non si fermano

“Lì dentro non c’era nessuno. Noi lo sappiamo bene, quello spazio era solo un magazzino pieno di macerie da buttare. Non può aver preso fuoco da solo”.

E’ questa l’accusa che lanciano i ragazzi del Collettivo della Cavallerizza che denunciano: “Il fuoco è stato appiccato con la benzina. Un gesto fatto da qualcuno per farci cacciare dalla struttura” .
Il rogo, secondo quanto riportano i ragazzi che occupano lo spazio patrimonio dell’Unesco nel pieno centro di Torino, sarebbe stato acceso per mandarli via e per avviare il progetto di riqualificazione previsto dal Comune e avversato dagli occupanti.

Il giallo continua.

E sono stati proprio i giovani del Collettivo a vedere il fumo per primi, poi le fiamme salire dal tetto e a dare l’allarme: “Abbiamo visto anche i cancelli e i portoni aperti, mentre noi di solito li chiudiamo”, hanno raccontato.

Nelle ultime ore è stato anche diffuso il comunicato dell’associazione Salviamo Cavallerizza:

«A pochi giorni dalla presentazione dell’ennesimo piano di valorizzazione per la Cavallerizza Reale – si legge -un nuovo danno al patrimonio Unesco della Città. Proprio l’Unesco aveva sollecitato gli organi competenti a mettere in sicurezza il bene. Come associazione Salviamo Cavallerizza abbiamo sempre chiesto con forza che il complesso della cavallerizza non venga suddiviso in parti, magari privatizzandole».

Quindi, prosegue il comunicato: “Chiediamo che l’incendio non venga utilizzato strumentalmente per abbandonare l’idea di un progetto condiviso di riqualificazione fondato sui principi dell’uso civico, collettivo urbano e sulla partecipazione della cittadinanza, escludendo così tutti coloro che da anni hanno restituito alla collettività un patrimonio”.

Intanto le attività della Cavallerizza Irreale non si fermano: sotto sequestro è stata messa solo l’aerea bruciata dalle fiamme e continua l’organizzazione degli eventi legati ad Artissima, tra il 25 ottobre e il 2 novembre, con mostre, concerti ed eventi.

Leggi anche

20/11/2019

“Stop occupazioni Rom”, centinaia di adesivi sulle case Atc occupate

“Stop occupazioni Rom”, sono centinaia gli adesivi comparsi nei pressi dei complessi di edilizia sociale ATC […]

leggi tutto...

20/11/2019

36 stranieri stipati in un furgone – Scoperti dalla Polizia di Torino, due arresti

Nella notte di martedì, gli agenti della Squadra Mobile di Torino e della Sottosezione della Polizia […]

leggi tutto...

20/11/2019

Festa di San Giovanni, si cambia – A Torino tornano i fuochi d’artificio

E’ un ritorno all’amata tradizione per Torino. La Festa di San Giovanni 2020 tornerà ai classici […]

leggi tutto...