Il caso – I migranti riportati in Italia sono più di quelli che sbarcano – I dati Eurodac

13/05/2019

CONDIVIDI

Secondo le stime Ipsi i migranti riportati in Italia dalla Germania sono 2.848

I numeri sono stati diffusi dal Sole 24 Ore e raccolgono anche dati di di Eurodac, la banca dati europea delle impronte digitali- E sono inequivocabili.

Non ci sono porti chiusi che tengano: Germania, Austria e Francia rispediscono nel nostro Paese un numero di migranti superiore a quelli che sbarcano.
Sono chiamati “Dublinanti”: si tratta di migranti prima sbarcati in l’Italia, poi passati nei paesi confinanti, in particolare attraversando la frontiera di Ventimiglia e di Bolzano, poi intercettati dalla polizia e identificati.
Se dai dati della polizia emerge che i migranti sono arrivati in Italia, allora vengono rispediti indietro, verso il paese di primo sbarco.
Una soluzione che Germania, Austria e Francia possono mettere in pratica nella piena legalità, grazie al trattato di Dublino, che impone che i migranti chiedano asilo e restino nel paese di sbarco. Un trattato che nonostante i tentativi compiuti, l’Italia non è riuscita a modificare.
Il Sole 24 Ore scrive che dal 1° gennaio 2019 a fine aprile “il numero di “Dublinanti” rispediti in Italia supera e di molto il numero di migranti sbarcati dai barconi”. Precisamente: “Dal primo gennaio all’8 maggio 2019 sono sbarcati in italia 857 migranti, nello stesso arco di tempo ben 710 “Dublinanti” sono stati rispediti indietro soltanto dalla Germania. Senza considerare quelli rispediti dall’Austria, che in percentuale è il paese che rimanda in Italia più “Dublinanti”. E poi ci sono quelli che vengono rispediti da Parigi. Nel 2018, la Germania ha trasferito un totale di 2.848 persone in Italia in base al regolamento di Dublino (come da dati del ministero tedesco) e il trend continua”.

Secondo le stime Ipsi i migranti riportati in Italia sono 2.848 dalla Germania; 1.500 dalla Francia; 1.103 dall’Austria; 728 dalla Svizzera e 190 dai Paesi Bassi.
Nel caso specifico della Germania, il governo tedesco nei primi 11 mesi del 2018, su 51.558 casi esaminati, ha chiesto ad altri paesi dell’Unione europea di riprendersi i migranti arrivati dal resto d’Europa.

E, aggiunge Il Sole 24 Ore: “in 35.375 casi la richiesta tedesca è stata accolta in quanto inoppugnabile. Il paese che ha dovuto riaccoglierne in maggior numero è l’Italia, che ha dovuto riprendersi un migrante espulso su tre. Rispetto al 2017 la quota dei migranti espulsi dalla Germania è salita nel 2018 dal 15,1 al 24,5%. La pacchia è finita, ma per l’Italia”.

Leggi anche

20/05/2019

Giovani vandali devastano la scuola – “Idioti, pagherete i danni con i vostri soldi”

Folle raid vandalico di alcuni ragazzi, entrati nella scuola media di via Boccaccio, a Venaria, con […]

leggi tutto...

20/05/2019

Gravissimo incidente -Donna travolta sulle strisce da auto in corsa, muore sul posto

Drammatico incidente nel pomeriggio di oggi in via Pio VII a Torino, intorno alle 15,30. Una […]

leggi tutto...

20/05/2019

Crolla controsoffitto di una scuola – Ferita studentessa

La ragazza è stata portata al pronto soccorso. Nel pomeriggio di oggi, lunedì 20 maggio, sono […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy