Il leader di Confindustria a Torino “No aumento Iva, serve una riforma fiscale per lavoro e imprese”

30/09/2019

CONDIVIDI

Vincenzo Boccia, presidente di Confindustria, ha parlato oggi a Torino

Vincenzo Boccia, presidente di Confindustria, ha parlato oggi a Torino durante l’assemblea dell’Unione industriale. Il suo è un messaggio chiaro rivolto al governo Conte:
“Per noi sarebbe il caso di non aumentare l’Iva. È evidente che servirebbe una riforma fiscale che aiuti il mondo della produzione, lavoro e imprese – ha detto nel corso dell’incontro Boccia, che ha aggiunto – “Ma per farla serve una manovra di medio termine che non si può fare in un anno, viste le risorse che abbiamo. Quello che dice il ministro dell’Economia è una operazione di realismo. Il ministro deve fare i conti con i saldi”.

Poi, il leader di Confindustria ha proseguito:

“L’importante è che si faccia una operazione che parta da questo concetto: prima bisogna definire gli effetti sull’economia reale che vogliamo realizzare, come l’incremento dell’occupazione e dei salari dei lavoratori italiani. Quindi individuare i provvedimenti. Noi abbiamo tre questioni da affrontare come Paese: più crescita, meno debito e meno deficit. Ciò comporta – spiega Boccia – “una strettoia nel nodo risorse e vanno usate al meglio per impattare sulla crescita e l’occupazione. Questo sarebbe il metodo che dovremmo usare nella logica di usare risorse non elevate per grandi impatti sul mondo dell’occupazione e chiaramente sulla crescita economica”.

Sui giovani e il problema disoccupazione il leader di Confindustria ha dichiarato:

“I giovani che non cercano lavoro è una delle questioni principali da affrontare come Paese. Serve un grande piano giovani. Il dato sull’occupazione è sicuramente positivo, è un dato congiunturale che va reso strutturale. Il grande obiettivo del Paese, lo stiamo dicendo da tempo, è il lavoro e l’incremento dell’occupazione. Occorre costruirne le condizioni anche perché i dati previsionali economici non sono positivi. Occorre reagire”.

Riguardo al settore automotive:

“Abbiamo proposto al ministro Patuanelli un tavolo dell’auto – spiega Boccia – “Noi siamo pronti, abbiamo dato disponibilità a farlo a Torino se vuole ma chiaramente non è problema: Torino, Roma o qualsiasi posto. L’importante è che si apra questo confronto per presentare al governo la sintesi del lavoro fatto da questo tavolo, che è partito da Torino e su cui Torino ha dato un contributo rilevante. Bisogna rilanciare l’automotive, governare la transizione verso la dimensione elettrica, rinnovare il parco auto e costruire un percorso virtuoso in cui l’Italia deve essere un player al pari di Francia e Germania nella transizione del mondo dell’auto in termini complessivi e riguarda questo la filiera dell’auto e in particolare Germania e Italia. Fca – ha concluso – “è una delle più grandi aziende del Paese. Abbiamo un ottimo rapporto con loro e auguriamo sempre grande successo a questa azienda che è sempre nel cuore di tutti noi”.

 

Leggi anche

19/10/2019

E’ morto il bimbo di 3 anni colpito da un vaso – Si è spento al Regina Margherita

Si è spento all’ospedale Regina Margherita di Torino il bambino di appena tre anni rimasto schiacciato […]

leggi tutto...

19/10/2019

Successo per la cena solidale in favore del Gruppo Abele di Don Ciotti, nella magica cornice della Certosa 1515

Grande successo per la cena solidale alla Certosa 1515 di Avigliana. Lungo la strada che porta […]

leggi tutto...

19/10/2019

“Marocchino di m….!” – Nuova aggressione razzista a Torino, pestato perché la pallina della figlia colpisce una bimba

Ancora un’aggressione di stampo razzista a Torino. L’episodio è accaduto davanti all’Ipercoop di via Livorno. Un […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy