Il Museo Egizio all’attacco del leader dei Giovani Padani – “Una bufala la sua telefonata”

29/01/2018

CONDIVIDI

Il Museo Egizio mette in dubbio l'autenticità della chiamata

“Una bufala la telefonata di Andrea Crippa, leader dei Giovani Padani, che ha mandato in tilt il centralino” – questa la posizione  del Museo Egizio di Torino.

Un video, postato su facebook, mostra Crippa al telefono con un operatore del Museo . Il leader dei Giovani Padani chiede conto dello sconto che la fondazione ha programmato per i visitatori di nazionalità araba.
«Ma a lei pare normale? E gli italiani che fanno, pagano il biglietto intero?» – diceva Crippa al presunto centralinista, invitando poi anche altri italiani a farsi sentire.

Non è tardata la risposta del Museo Egizio, che mette in dubbio l’autenticità della chiamata, evidenziando che tutte le operatrici telefoniche sono di sesso femminile, mentre nel filmato si sente la voce di un uomo:

“Il Museo Egizio – si legge nella nota diffusa – facendo seguito al comunicato diffuso ieri con riguardo al video postato su Facebook dal signor Andrea Crippa ed alla intervista rilasciata dal medesimo al quotidiano La Stampa e pubblicata , comunica di aver depositato con l’ausilio dei propri legali un esposto presso la Questura di Torino affinché l’Autorità Giudiziaria svolga le opportune indagini per verificare la autenticità del presunto colloquio telefonico con l’Ufficio Prenotazioni contenuto nel predetto video e accerti la sussistenza di eventuali illeciti di natura penale.

Sulla base degli elementi disponibili e degli accertamenti effettuati, il Museo ritiene che la voce maschile del presunto operatore dell’Ufficio Prenotazioni sia quella di un soggetto estraneo all’organigramma della società che gestisce le prenotazioni telefoniche, posto che tutte le operatrici sono di sesso femminile – si legge nella nota. “Inoltre si fa presente che le dichiarazioni sulle attività promozionali contenute nel video postato su Facebook sono inesatte. Dunque vi sono plurimi motivi per ritenere che il video in questione sia una montatura mirata a denigrare Il Museo Egizio che si riserva ogni opportuna azione legale all’esito delle indagini che saranno svolte dalla autorità competenti”.

Leggi anche

12/11/2018

Le donne del SI’ TAV ‘snobbano’ la sindaca Appendino – “Prima parliamo con Mattarella”

Continua il botta e risposta fra le promotrici della manifestazione Sì, Torino va avanti’, che ha […]

leggi tutto...

12/11/2018

Tragedia di Ponte Morandi – Un premio assegnato ai Vigili di Torino

“Siamo orgogliosi del senso del dovere e dell’impegno civile che il Corpo della Polizia municipale di […]

leggi tutto...

12/11/2018

Rave party abusivo a Torino – Oltre 70 persone identificate

Sono state identificate in via Cimarosa, all’ angolo con via Bologna, oltre 70 persone che si […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy