Inchiesta sull’Università – La laurea in ingegneria vale tre volte quella di economia

10/07/2019

CONDIVIDI

Si registra un incremento dei «rimborsi spese» per gli stagisti

I dati sono emersi in seguito all’ultima indagine sui neolaureati che l’associazione dei direttori del personale Gidp ha appena condotto sui suoi aderenti: responsabili risorse umane concentrati per il 74% in aziende del nord Italia e per il 53% in organizzazioni con più di 500 dipendenti.

Dall’indagine si evidenzia inoltre come le grandi aziende del Nord introducano molto volentieri giovani stagisti, ma non risultano altrettanto disponibili a trasformare l’internship in assunzione.

«E’ importante evidenziare a questo proposito – ha dichiarato al Corriere della Sera il presidente dell’associazione Paolo Citterio – “che il 77% delle imprese ha assunto solamente una parte degli stagisti. Appena nel 13% dei casi, invece, tutti i giovani sono stati assunti al termine dello stage».

Assunzioni che sono state in particolare con contratto a tempo determinato (47%) o con la formula dell’apprendistato professionalizzante (21%).

Stage o assunzioni di neo-laeurati: le aziende prese in esame rivelano una particolare attenzione all’inserimento di giovani e giovanissimi:

“Rispetto all’analoga indagine del 2018 – ha aggiunto Citterio – “va segnalato che quest’anno i neolaureati sono stati inseriti maggiormente in posizioni di ricerca e sviluppo, funzione che rivela dunque un’importante crescita dovuta all’estendersi dell’impresa 4.0. Viene così scavalcata la funzione marketing che, fino all’anno scorso, assorbiva la maggior parte degli inserimenti”.

Nella graduatoria della laurea più ricercata spicca quella di Ingegneria, posseduta dal 63% dei nuovi assunti. Segue con netto distacco Economia (20%). Molto più indietro la laurea in Informatica, al 7%.

Dai dati emerge inoltre che per inserire le nuove giovani risorse, le aziende si sono rivolte prevalentemente al placement universitario (nel 37% dei casi). Poi alle Agenzie per il lavoro (21%), infine, ai social network (9% delle preferenze) che iniziano ad avere un peso maggiore rispetto agli anni precedenti (l’anno scorso erano al 3%).

Compensi
Si registra infine un incremento dei «rimborsi spese» per gli stagisti: in media 707 euro netti al mese, contro i 672 del 2018.
Per quanto riguarda il primo impiego dei neolaureati, le retribuzioni annue lorde restano invariate: praticamente stabili gli stipendi nel comparto dei metalmeccanici (29.152 euro contro i 28.930 dell’anno scorso).
Mentre il settore chimico-farmaceutico, il ‘più generoso’ non si è scostato è passato dai 33.800 euro contro i 32.875 del 2018.
E’ il comparto commercio-servizi a registrare l’aumento più significativo con 31.545 euro, una cifra maggiore del 18,8% rispetto all’anno precedente.

Leggi anche

22/10/2019

“Hanno bruciato la Cavallerizza con la benzina” – L’inquietante accusa dei ragazzi del Collettivo

“Lì dentro non c’era nessuno. Noi lo sappiamo bene, quello spazio era solo un magazzino pieno […]

leggi tutto...

22/10/2019

Troppi delinquenti, chiuso bar di corso Sebastopoli – Lo scrivono gli stessi titolari

Sono stati gli stessi titolari a comunicare con un cartello la chiusura del bar di corso […]

leggi tutto...

22/10/2019

Maltempo e paura in Piemonte – Muore un tassista travolto dall’acqua

Continua l’ondata di maltempo in Piemonte. Coinvolta in particolare la provincia di Alessandria, che ha trascorso […]

leggi tutto...