La protesta dei piccoli commercianti torinesi “Non demonizzare contante, pagamento con carte non vantaggioso”

30/10/2019

CONDIVIDI

I ricavi delle piccole imprese sono sempre minori

I ricavi sono sempre minori per la stagnazione dei consumi. E ora le piccole imprese del commercio torinesi sono preoccupate perché le disposizioni relative all’utilizzo del contante rischiano di aggravare una situazione già in stato di emergenza.

Secondo l’ultima indagine dell’Ascom Confcommercio di Torino l’89% delle piccole imprese commerciali ha l’apparecchio per il Pos, ma ben il 61% ritiene che accettare il pagamento con le carte non sia vantaggioso. Inoltre il 90% vorrebbe una riduzione diretta delle commissioni e l’eliminazione di quelle sui micropagamenti.

Così ha spiegato all’Ansa Maria Luisa Coppa, presidente dell’Ascom,

“Per il terzo trimestre non si ferma il calo della fiducia delle piccole e micro imprese del terziario. Prima delle multe sul Pos, chiediamo al governo di trattare con le banche per abbattere i costi elevati delle commissioni”.

Mentre Alberto Carpignano, direttore generale dell’Ascom, aggiunge: “bisogna introdurre strumenti di pagamento alternativi al Pos, favorendo la concorrenza tra carte di credito e strumenti elettronici di pagamento di nuova generazione”.

Leggi anche

20/01/2020

Ancora scosse di terremoto in Piemonte – La situazione

Dopo il terremoto di ieri, nuove scosse sono state rilevate nella giornata di oggi, lunedì 20 […]

leggi tutto...

20/01/2020

Migliora l’aria a Torino – Stop alle misure d’emergenza per il traffico

La pioggia e il vento degli ultimi giorni hanno ripulito l’aria dallo smog. La presenza di […]

leggi tutto...

19/01/2020

Crisi Auto – A Mirafiori la produzione è al minimo storico

La crisi del settore auto non risparmia Mirafiori. I dati diffusi dai sindacati sono piuttosto eloquenti […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy