La Silverskiff, storica regata interazionale, non si farà -“Correnti pericolose, situazione non migliorerà”

09/11/2018

CONDIVIDI

"Piena solidarietà a tutti gli amici del Cerea per la mancata possibilità di svolgere l'importante gara sportiva internazionale"

La regata internazionale Silverskiff, organizzata dalla Reale Società Canottieri Cerea, non si farà.

A causa delle continue piogge, la corrente del Po resta ancora elevata e per questo fine settimana non sarà possibile garantire le condizioni di sicurezza necessarie per scendere in acqua.

Le condizioni del fiume secondo le previsioni dovevano migliorare, ma la situazione purtroppo resta pericolosa.

“E’ la corrente l’aspetto che più ci spaventa: nelle ultime ore non è migliorata e probabilmente nelle prossime ore la situazione non potrà migliorare”, ha dichiarato Umberto Dentis, presidente della Reale Società Canottieri Cerea.

Una notizia che è giunta nel pomeriggio odierno e che l’assessore regionale allo Sport Giovanni Maria Ferraris ha così commentato:

“Esprimo piena solidarietà a tutti gli amici del Cerea per la mancata possibilità di svolgere l’importante gara sportiva internazionale, apprezzandone la passione e il servizio dimostrati in tutti questi anni nell’organizzazione e promozione di una splendida disciplina, che permette a Torino di essere riconosciuta capitale internazionale degli sport di fiume. Un apprezzamento particolare va dato anche a tutti i volontari del Cerea impegnati in questi giorni nella salvaguardia e pulizia della sede e nell’accoglienza migliore riservata agli atleti già giunti a Torino. Riconosco infine il grande valore di questa manifestazione, che sono certo non verrà meno nelle edizioni a venire”.

Leggi anche

20/01/2019

Il suo cuore smette di battere- Salvato in emergenza al Pronto Soccorso del Mauriziano

E’ stato salvato dai medici direttamente in una saletta del pronto soccorso dell’ospedale Mauriziano, a Torino, […]

leggi tutto...

20/01/2019

Omicidio all’Ex Moi – “Troveremo l’assassino, nessun crimine fermerà lo sgombero”

L’assassinio di Andrew Yamine, nigeriano di 33 anni colpito all’interno delle palazzine ex Moi con un […]

leggi tutto...

20/01/2019

Carabiniere investito da un pusher in bicicletta – Inseguito e arrestato

In sella alla propria bicicletta si spostava agevolmente e incontrava i clienti per spacciare droga. Un […]

leggi tutto...