La vergogna della famiglia di pusher- Ricevevano aiuti umanitari usando i figli come ‘paravento’

29/10/2018

CONDIVIDI

I bambini sono stati affidati a un parente dei genitori

Nello scantinato del palazzo in cui abitavano non nascondevano soltanto la droga che poi andavano a spacciare nel quartiere, ma anche interi scatoloni di aiuti umanitari: numerosi pacchi di generi alimentari e non che le associazioni consegnano ai più bisognosi.
La scoperta è stata fatta dagli agenti del commissariato Barriera di Milano in via Brandizzo, alla periferia nord di Torino.

Una coppia di genitori pusher si manteneva spacciando cocaina, poi, usando i bambini come ‘paravento’, si metteva in coda per ricevere i pacchi alimentari e altri aiuti.

Ma per lo stile di vita che conducevano e gli incassi dell’attività illegale non ne avrebbero avuto certo bisogno.
Gli agenti, durante la perquisizione del loro appartamento, hanno trovato televisori al plasma,  oggetti di valore e altri  pacchi di generi alimentari.

Nascosti in cantina anche 13.500 euro, frutto probabilmente delle attività di spaccio che i genitori pusher praticavano anche insieme ai bambini, nel tragitto per andare a scuola o al ritorno quando insieme ai piccoli tornavano a casa.

Si tratta di una coppia di spacciatori nigeriani con due figli di 3 e 5 anni. I due sono stati arrestati per spaccio, mentre i figli sono stati affidati a un parente dei genitori.

Leggi anche

07/12/2019

Pusher cacciati da un gruppo di incappucciati – E gli spacciatori si rivolgono alla Polizia

Scene da Far West nel quartiere Vanchiglia. Droga e movida selvaggia sono una costante quotidiana nel […]

leggi tutto...

07/12/2019

Investe un poliziotto per sfuggire al controllo – Poi va a schiantarsi contro le auto parcheggiate – Arrestato

Due sere fa il personale della Squadra Volante ha effettuato dei controlli nella zona di via […]

leggi tutto...

07/12/2019

Dramma sul lavoro – Muratore cade da impalcatura e muore

Un altro dramma sul lavoro. Un muratore di soli 38 anni è morto a Novara dopo […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy