Nomade bruciò vive due bambine – Condannato all’ergastolo

20/09/2019

CONDIVIDI

E' stata pronunciata la sentenza contro l'autore del folle gesto

Si era rifugiato in un campo rom alle porte di Torino, dopo aver dato fuoco, lanciando una molotov, ad un camper al cui interno vivevano tre sorelle della famiglia Halivovic.

Nel rogo, che si era sviluppato in un campo rom romano, morirono Elisabeth, 20 anni, Francesca, otto anni, e Angelica, quattro anni. La tragedia nel maggio di due anni fa.

Serif Seferovic, l’autore del gesto, fu fermato successivamente alla stazione di Torino Lingotto, ma scarcerato in un primo tempo per mancanza di gravi indizi di colpevolezza.
In seguito è stato arrestato il 7 ottobre 2017, insieme al fratello 18enne Andrea (che poi risultò estraneo ai fatti), in un campo nomadi temporaneo di Moncalieri.

In questi giorni è stata pronunciata la sentenza: Seferovic è stato condannato per omicidio plurimo, detenzione, porto e utilizzo di armi da guerra e incendio doloso.

Condannata a 20 anni, per la stessa vicenda, anche Lisabeta Vicola, cognata di Seferovic. Metre il marito di Vicola, Renato Seferovic, è fuggito in Bosnia ed è tuttora ricercato.

Leggi anche

22/10/2019

Cirio “Danni gravissimi in Piemonte per il maltempo – Chiediamo lo stato d’emergenza”

La Regione Piemonte chiede lo stato d’emergenza dopo i danni gravissimi causati nelle ultime ore dal […]

leggi tutto...

22/10/2019

“Hanno bruciato la Cavallerizza con la benzina” – L’inquietante accusa dei ragazzi del Collettivo

“Lì dentro non c’era nessuno. Noi lo sappiamo bene, quello spazio era solo un magazzino pieno […]

leggi tutto...

22/10/2019

Troppi delinquenti, chiuso bar di corso Sebastopoli – Lo scrivono gli stessi titolari

Sono stati gli stessi titolari a comunicare con un cartello la chiusura del bar di corso […]

leggi tutto...