Aggressione alle Molinette – Medico gettato a terra, colpito infermiere “Non vogliamo finisca in tragedia”

CONDIVIDI

Una nuova aggressione ai danni di un medico e di un infermiere è avvenuta sabato scorso all’ospedale Molinette di Torino.

La segnalazione è arrivata nelle ultime ore dal Nursind, il sindacato delle professioni infermieristiche, che ha evidenziato come  la situazione sia sempre più preoccupante e episodi di questo genere si stiano moltiplicando nel capoluogo piemontese.
Nell’ultima occasione, fortunatamente, erano presenti nelle vicinanze due poliziotti che sono subito intervenuti e hanno bloccato aggressore, un uomo con problemi psichiatrici.

Il sindacato, intanto, ha fatto un esposto in procura, evidenziando i rischi degli operatori negli ospedali: rischi destinati ad aumentare quando con i picchi di influenza delle prossime settimane le corsie saranno ancora più popolate.

“Le aggressioni a Torino sono ormai una preoccupante routine – ha spiegato il segretario del sindacato Stumma, ripreso dalla Stampa.

“Abbiamo richiesto da tempo interventi urgenti e il ripristino della guardia rimosso nel 2017, oltre al posto di polizia. Ma in mancanza di provvedimenti concreti ci siamo rivolti alla Procura della Repubblica per denunciare questa situazione e per accertare eventuali inadempimenti da parte del datore di lavoro. Vogliamo scongiurare possibili tragedie, bisogna intervenire per prevenire episodi ancora più gravi”.

Leggi anche

16/11/2018

Ritorna il caso disperato di via Aosta – Alessi “Situazione igienica inaccettabile, il Comune sta a guardare?”

Dopo alcuni giorni è ritornato il senza tetto che vive in condizioni di igiene alquanto precarie […]

leggi tutto...

16/11/2018

Il ritorno del Lupo nelle vallate del Torinese – “Ucciderlo è un reato”

Il ritorno del lupo è un fenomeno naturale. Ucciderlo è un reato punito dalla legge. La […]

leggi tutto...

16/11/2018

Arrestato barista – Nacondeva droga sotto il registratore di cassa

E’ stato arrestato per spaccio un 48enne italiano residente a Cuorgnè. I carabinieri locali hanno controllato […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy