Porte aperte alla cultura a Palazzo Lascaris – Queste le mostre in programma

10/02/2018

CONDIVIDI

Dalla tutela dei diritti umani alla valorizzazione delle manifestazioni artistiche del mondo contemporaneo. Tanti temi in mostra a Palazzo Lascaris

La tutela dei diritti umani, la promozione dello sport e dei corretti stili di vita e la valorizzazione delle manifestazioni artistiche del mondo contemporaneo saranno i temi conduttori intorno ai quali si svilupperà l’attività culturale del Consiglio regionale nel corso del 2018, fra eventi ed esposizioni.

La tutela dei diritti fondamentali.

Solidarietà, uguaglianza, accoglienza e lavoro saranno fra i valori promossi attraverso alcune mostre incentrate sui diritti umani e sulle realtà vicine e lontane dove essi sono ancora negati. Il ricco programma su questo tema partirà in galleria Carla Spagnuolo con la mostra fotografica Over my eyes, Mappa di sfollamento, in collaborazione con l’associazione culturale “Jest”, che racconta la quotidianità nelle zone di guerra irachene attraverso lo sguardo di giovani fotografi locali. Storie di emigrazione e di immigrazione, fra trasformazioni sociali e vicende umane fatte di sacrifici e creatività sono al centro di due altre mostre: Nuove generazioni. I giovani volti dell’Italia multietnica, a cura della Fondazione Meeting per l’amicizia fra i popoli di Rimini e MigrEye, organizzata dall’Associazione multietnica dei mediatori culturali – A.m.m.i.

A giugno sarà invece presentata la mostra di disegni La Costituzione a colori. I principali articoli illustrati e il percorso storico 1943/1948, con una particolare attenzione rivolta al Titolo II inerente i diritti e i doveri dei cittadini.

In autunno, con I tappeti afgani si andrà alla scoperta dell’unica raccolta conosciuta di tappeti realizzati in Afghanistan da donne e bambini nel decennio dell’invasione sovietica (1979-1988); manufatti che nei disegni e nei decori richiamano l’esperienza bellica e l’eco profonda impressa nella popolazione locale.

Con un approccio storico al tema dei diritti la Biblioteca della Regione Piemonte proporrà la mostra L’Alba delle autonomie, per diffondere la conoscenza della sua raccolta di statuti comunali e dare rilievo al momento storico che vide la nascita delle autonomie locali in Piemonte.

L’Ufficio relazioni con il pubblico darà voce ai diritti attraverso alcune iniziative promosse dalle Autorità di garanzia istituite in Consiglio regionale.

La prima mostra, Evasioni. 47 storie, curata dal Garante regionale per i detenuti con l’associazione assistenti volontari penitenziari “Liberi dentro onlus”, documenta le condizioni di vita all’interno delle carceri italiane, mentre, sullo stesso tema, Che ci faccio io qui? I bambini nelle carceri italiane intende far conoscere, attraverso la fotografia, la quotidianità delle donne e dei loro figli in carcere.

Gli spazi dell’Urp ospiteranno inoltre la rassegna Dall’Immigrazione all’Integrazione, proposta dal Museo piemontese dell’Emigrazione sulla storia degli Italiani emigrati in Romania, e due esposizioni, sempre di foto, a cura del Garante degli animali: la prima, Relazioni naturali, in collaborazione con l’associazione “Vivi gli animali” vuole promuovere la creazione di spazi dedicati al recupero degli animali da reddito, salvati dal macello e da situazioni di maltrattamento e abbandono e l’altra, intitolata Gli indesiderabili – Animali con i quali è possibile convivere, in collaborazione con la Lav (Lega anti vivisezione), che denuncia le centinaia di migliaia di animali uccisi ogni anno in Italia.

Un focus sul diritto al lavoro sarà condotto all’Urp nell’ambito del progetto di alternanza scuola-lavoro, promosso dall’Associazione culturale “Amico Libro” e dal liceo Passoni, le cui riflessioni si esprimeranno nella mostra Come in un libro aperto. Alternanza=apertura di orizzonti.

Sport e corretti stili di vita

L’avvio dei XXIII Giochi olimpici invernali, che si terranno a Pyeonchang, in Corea del Sud, sarà l’occasione per inaugurare in galleria Carla Spagnuolo L’elegante olimpiade. Foulard delle Montagne. Verranno esposti foulard a soggetto olimpico e altri cimeli provenienti dal Museo nazionale della Montagna e una sezione della mostra sarà allestita in Biblioteca. In questa sede il tema sportivo verrà coniugato al passato con Impronte nella storia. La sfida sociale della Reale Società di Ginnastica nell’Italia risorgimentale, una delle più antiche società sportive piemontesi illustrata attraverso la collezione dei suoi oggetti e documenti.

All’Urp lo sport si abbina anche alla lunga lotta per la parità di genere ne L’emancipazione femminile vista attraverso i Giochi olimpici, con le storie di impegno e ribellione di tante atlete, a cura dell’associazione Panathlon –distretto Italia. Area Piemonte e Valle d’Aosta e della Direzione regionale Opere pubbliche, difesa del suolo e montagna, foreste, protezione civile, trasporti e logistica di Cuneo.

 

Cultura contemporanea

Nell’anno europeo del patrimonio culturale, il Consiglio regionale intende partecipare alla Giornata del contemporaneo che ricorre l’11 ottobre. La manifestazione troverà un nuovo spazio nella Galleria Carla Spagnuolo per un’esposizione allestita in collaborazione con la Fondazione Torino Musei, nell’ottica di promuovere la conoscenza delle idee e dei protagonisti che animano la scena artistica contemporanea.

In dicembre, sarà inoltre allestita una mostra sul pittore e incisore piemontese Francesco Gonin (1808-1889), con l’esposizione delle tavole acquerellate di proprietà del Consiglio regionale e di altri lavori dell’artista. Specializzato in ritratti storici e in illustrazioni per opere letterarie, Gonin realizzò dipinti e affreschi per numerose dimore di casa Savoia e per alcune chiese di Torino.

Fra i personaggi contemporanei che verranno ricordati in Biblioteca ci sarà Gipo Farassino, a cinque anni dalla scomparsa, la cui lunga carriera artistica e musicale sarà ripercorsa in una mostra Gipo Farassino detto Gipo. Uomo, padre, artista, politico piemontese, curata dalla Fondazione Caterina Farassino.

L’Associazione “MurialdoFor onlus” allestirà invece L’arte di Alfredo Levo. Giovani, periferie e sogno, per presentare al pubblico la versatile figura di Levo, che fu grafico pubblicitario per la Gazzetta del Popolo, scenografo per la Rai ma anche pittore.

Leggi anche

Lo Skyline del futuro a Torino? Nel 2030 12 nuovi grattacieli – Il progetto avveniristico

Un maxi e avveniristico intervento di trasformazione urbana potrebbe ridisegnare lo skyline di Torino nei prossimi […]

leggi tutto...

Torna a Torino Io Lavoro – Oltre 5000 offerte di lavoro, dal turismo all’elettronica e molto altro

Torna a Lingotto Fiere l’evento IoLavoro, organizzato da Agenzia Piemonte Lavoro, in collaborazione on l’assessorato al […]

leggi tutto...

“Ztl prolungata? Avrà ricadute gravissime su commercianti e artigiani” – L’attacco di Magliano all’Amministrazione

Il capogruppo dei Moderati Silvio Magliano si schiera  dalla parte della protesta di commercianti e residenti […]

leggi tutto...