Rimonta Juve – Ecco quanto vale il passaggio del turno, verso una cifra record

13/03/2019

CONDIVIDI

Quest'anno si gioca la Champions piu' ricca di sempre

La remuntada bianconera non solo ha dato una grande gioia ai tifosi ma potrà ingrassare ulteriormente le casse societarie.

Sui 180 minuti di gioco contro l’Atletico la Juve ha meritato il passaggio del turno, il suo gioiello Ronaldo è stato addirittura straripante e Simeone, tecnico dell’Atletico, non ha potuto far altro che accettare la sconfitta dichiarando “E’ passata la squadra piu’ forte”

Ma quanto guadagnerà la Juve dall’impresa dell’Allianz Stadium? Grazie al passaggio del turno l’incasso è notevole, dal momento che stiamo parlando della Champions piu’ ricca di sempre. Anche per questo motivo James Pallotta, presidente della Roma, ha masticato amarissimo, dopo l’eliminazione non del tutto meritata della sua squadra.
Secondo Giovanni Capuano di Panorama saranno questi i guadagni bianconeri:

“La Champions più ricca di sempre è un affare comunque vada. Nel caso della Juventus che sta facendo corsa lunga, si tratta di un affare già superiore ai 100 milioni di euro e che nella migliore delle ipotesi può sfondare ogni precedente primato.
Facendo una stima – aggiunge Capuano – “vincere la Champions League potrebbe valere in tutto 155 milioni, botteghino incluso. E’ l’effetto anche del nuovo format, partito quest’anno e che garantisce alle Big-4 (Spagna, Inghilterra, Italia e Germania) la presenza di quattro squadre ai gironi senza il rischio di perdersi nei preliminari, ha moltiplicato diritti tv, ricavi e montepremi arrivando a sfiorare la quota 2 miliardi di euro (1,95). A patto di essere dentro la lista delle 32 elette che da settembre correranno per arrivare alla finale  di Madrid in programma il 1° giugno 2019. L’ottimo andamento dei bianconeri nelle ultime stagioni e il ruolo di campioni d’Italia, che garantisce qualche gettone in più nella suddivisione del market pool, consentono di stimare con il passaggio agli ottavi di finale un incasso minimo già realizzato di 89,370 milioni di euro solo in premi e diritti tv Uefa. Alla cifra si arriva sommando il bonus per la partecipazione al girone (15,250 milioni di euro per tutte e 32 le qualificate), il ranking storico (29,9 milioni frutto del 6° posto), la quota market pool fisso per la prima fase da 13,4 milioni e i risultati del campo. Nel girone eliminatorio la Juventus ha vinto 4 partite mettendo in cassa altri 10,8 milioni di euro. Col bonus qualificazione agli ottavi (9,5 milioni di euro) e quello per il passaggio ai quarti il parziale è salito a 83,3 e non è finita qui. La sfida contro i Colchoneros ha permesso, infatti, di battere il record di incasso di sempre per la società bianconera: 4.947.759 euro, più dei 4,1 milioni della partita di girone contro il Manchester United. Unendo il botteghino ai ricavi Uefa si arriva già alla cifra di 103,8 milioni di euro cui andrà aggiunto il market pool della seconda fase che si conteggia tenendo conto del numero di gare disputate dalle squadre di una stessa nazione”.

Quindi la somma finale, un incasso da primato
“Con Inter, Napoli e Roma fuori gioco – scrive Capuano – “i bianconeri metteranno le mani su una fetta maggioritaria della torta da 25 milioni che rimane dei diritti tv destinati al mercato italiano. Si va da un minimo (a questo punto garantito) di 8,2 a un massimo di 10 milioni di euro raggiungendo la finale del 1° giugno a Madrid. Se Allegri dovesse andare oltre qualificandosi in semifinale (bonus 12 milioni) e in finale (15 in caso di sconfitta e 19 alzando la coppa), si aggiungerebbero anche altri incassi che è possibile stimare in 5 milioni di euro a partita. Quello dei quarti di finale è già garantito e i 103,8 milioni totali sono virtualmente già 109 senza contabilizzare il market pool della seconda fase della coppa”.

Insomma, Andrea Agnelli si sfrega le mani e si gode oggi piu’ che mai il suo gioiello Ronaldo, pagato a peso d’oro, ma che ricambia con altrettanto oro.

Leggi anche

22/03/2019

Ancora roghi e devastazione – Brucia una riserva naturale, fiamme alte dieci metri

E’ ancora emergenza incendi in queste ore: fiamme alte una decina di metri stanno distruggendo la […]

leggi tutto...

22/03/2019

Valore immobili a Torino– Crolla prezzo case a Madonna di Campagna e Lucento. Male anche San Salvario

Nel 2018 è aumentato il numero del le zone con differenze in termini di valori percentuale […]

leggi tutto...

22/03/2019

Allarme siccità nei campi – In grave crisi grano, orzo e foraggio

La lunga assenza di piogge è ormai un incubo per i campi piemontesi. L’allarme siccità continua: […]

leggi tutto...