Scoperto salone mai utilizzato a Palazzo Carignano – Fu costruito 30 anni fa

21/12/2017

CONDIVIDI

A segnalarlo, con un’interrogazione a risposta immediata, la consigliera Gianna Gancia della Lega

Sotto la corte di palazzo Carignano, a Torino, esiste una misteriosa sala ipogea realizzata fra il 1987 e il 1994, destinata a ospitare iniziative culturali ma mai utilizzata.

A segnalarlo, con un’interrogazione a risposta immediata, è stata la consigliera Gianna Gancia (Lega nord), che ha chiesto chiarimenti in merito al mancato utilizzo e all’eventuale recupero della sala polifunzionale inspiegabilmente abbandonata e il cui progetto aveva comportato un esborso di quasi 28 miliardi di lire, provenienti in gran parte dal piano nazionale Fio (Fondo per gli investimenti e l’occupazione).

L’assessora alla Cultura Antonella Parigi ha spiegato che palazzo Carignano è di proprietà del demanio dello Stato e la realizzazione del salone ipogeo sottostante il cortile centrale fu condotto dalla Soprintendenza competente nell’ambito delle risorse del Fio, un programma di finanziamento molto vasto che interessò interventi fra il 1983 e la fine degli anni Novanta. I finanziamenti furono erogati dall’allora Ministero del Bilancio e Programmazione economica e coinvolsero vari ministeri.
Per quanto riguarda il Ministero per i Beni culturali il programma riguardò numerosi complessi monumentali su tutto il territorio nazionale”, ha precisato l’assessora. “Rispetto ai finanziamenti originariamente programmati, quelli effettivamente erogati furono notevolmente ridotti, pertanto numerosi interventi programmati non vennero portati a compimento”.

Benché ci si riferisca a interventi eseguiti circa 30 anni fa per i quali occorrerebbe consultare materiale d’archivio, per quanto riguarda il Piemonte si ha memoria di un programma finanziato per le residenze sabaude, ma non è da escludersi anche il coinvolgimento di altri complessi monumentali. Tenuto conto che i programmi Fio portarono all’erogazione di risorse anche ad altri enti, purché possessori di edifici monumentali, non si può escludere che anche la Regione possa essere stata beneficiata di risorse provenienti da questi programmi.

Leggi anche

17/01/2019

Devastata dai ladri una nota pizzeria di Santa Rita – I timori della titolare

Non è la prima volta nelle ultime settimane che la nota pizzeria Don Pepe, nel quartiere […]

leggi tutto...

17/01/2019

A Torino restano in vigore solo i blocchi livello ‘0’ – Queste le date

Il Comune di Torino informa che fino al girorno di controllo, previsto  lunedì 21 gennaio  rimane […]

leggi tutto...

17/01/2019

Aggredito con un’accetta in pieno centro a Torino – E’ caccia al folle aggressore

Momenti di follia poco dopo mezzogiorno nel pieno centro di Torino, in via Pietro Micca. Secondo […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy