Segnalazioni dei cittadini – Sanzionato un kebabbaro e una sala giochi per 28.000 euro

10/11/2019

CONDIVIDI

Non ripsettati limiti imposti dalla normativa regionale

A seguito di numerose segnalazioni di cittadini residenti, a tutela del consumatore e al fine di contrastare il disturbo generato dagli avventori di esercizi pubblici e l’utilizzo di macchinette installate illecitamente all’interno di locali di somministrazione, sono stati organizzati alcuni interventi congiunto tra Agenti del V Comando Polizia Municipale di Torino Comando Borgo Vittoria/Madonna di Campagna/Vallette/Lucento e il Commissariato Madonna di Campagna della Polizia di Stato.

Controllata una sala raccolta scommesse di via Colautti. Qui sono state trovate 14 apparecchiature videogioco che, nella circostanza, non rispettavano i limiti imposti dalla normativa regionale che prevede il divieto di installazione di apparecchi per il gioco lecito a una distanza inferiore a 500 metri da luoghi sensibili quali scuole, luoghi di culto, istituti di credito e sportelli bancomat.

A seguito di quanto accertato, il gestore del locale, di nazionalità rumena, è stato sanzionato amministrativamente ai sensi art. 11 c.1 in rel. art. 5 c.1 Legge Regionale 9/16 per un totale di 28.000 euro (cioè 2000 euro per ognuna delle 14 macchinette installate) e gli apparecchi videogioco sono stati posti sotto sequestro amministrativo e sottratti alla materiale disponibilità di altri avventori.

Nella serata di mercoledì 6 novembre è stata controllata un’attività artigianale di vendita kebab in via Chiesa della Salute. Nel corso del controllo gli Agenti hanno trovato due sacchi neri contenenti all’interno 32 sacchetti di melanzane e peperoni, custoditi in involucri non conformi all’interno di un frigo-congelatore, in modalità non idonee a una corretta conservazione dei cibi e pericolosa per la salute pubblica. Per quanto accertato il titolare dell’esercizio, cittadino di nazionalità turca, è stato deferito all’Autorità Giudiziaria ai sensi dell’art. 5 lettera B) Legge n. 283/1962 per il reato di alimenti in cattivo stato di conservazione detenuti per la somministrazione.

Leggi anche

17/02/2020

Calci e pestoni ad uno scolaro disabile – Maestra sospesa

Seconda l’accusa il bimbo è stato piu’ volte spintonato, trascinato, oppure allontanato anche per una semplice […]

leggi tutto...

17/02/2020

“Grazie per aver aiutato la mia mamma!” – Il regalo di una bimba alla Polizia dopo l’arresto del padre violento

E’ pomeriggio e nella sala d’attesa del Commissariato Mirafiori, a Torino, c’è un po’ da attendere: […]

leggi tutto...

17/02/2020

Maxi concorso del Comune di Torino, via alle selezioni – 15mila candidati

Inizieranno a breve le pre-selezioni del maxi concorso del Comune di Torino per i 100 nuovi […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy