Tempi biblici Giustizia – Rapinò le Poste quando c’erano ancora le Lire, a processo soltanto oggi

06/12/2018

CONDIVIDI

Gli atti sulla rapina vennero stralciati e arrivarono a Torino soltanto nel 2014

Tempi biblici per la giustizia. Il caso del rapinatore che colpì le Poste a Torino ormai quasi vent’anni ha dell’incredibile.
Il rapinatore agì in un ufficio postale di Torino nell’ormai lontano 2001, per un bottino calcolato ancora in lire.
Su questo caso, diciassette anni dopo, è stato chiamato a pronunciarsi il Tribunale: è ripreso infatti il processo con la testimonianza di un investigatore della questura di Catania.  La rapina inizialmente era compresa all’interno di un’inchiesta allargata condotta nel 2005 dalla polizia catanese su gruppi legati al clan Santapaola.
In seguito gli atti sulla rapina vennero stralciati e arrivarono a Torino soltanto nel 2014.

“Il processo (che vede imputato un catanese di 44 anni ndr) dimostra una volta di più che il problema sono i tempi della giustizia e non la prescrizione, che per questo reato è praticamente interminabile” – ha commentato l’avvocato difensore Antonio Genovese che ha poi aggiunto il suo punto di vista sul ddl Bonafede che, a suo parere, non interviene sul funzionamento dei tribunali. “Il decreto fa propaganda al più dissennato giustizialismo populista”.

Leggi anche

12/12/2018

Cross del Malgrà – A Gennaio l’importante prova del circuito campestre del Canavese

Si disputerà il 6 gennaio 2019 la 4° edizione del Cross del Malgrà di Rivarolo Canavese, […]

leggi tutto...

12/12/2018

Torna a Torino Xmas Comics and Games – Sul palco anche Maccio Capatonda

Torna sotto la Mole l’ evento dedicato agli appassionati di fumetti, giochi, giunta alla quinta edizione, […]

leggi tutto...

12/12/2018

A Torino il pimo housing sociale per lesbiche, gay e transgender

5 appartamenti Atc che potranno ospitare fino a 24 persone e  aiutare chi, per ragioni di […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy