23/05/2019

Cronaca

Addio alla mongolfiera di Torino? Servono mezzo milione di euro per sistemarla

CONDIVIDI

Rischia di non prendere piu’ il volo la Turin Eye, la mongolfiera che si alza nel cielo di Torino da ormai sette anni.
Ma è una mongolfiera senza futuro quella di Borgo Dora: restituite le chiavi al tribunale fallimentare da parte della società che gestisce Turin Eye, il pallone potrebbe non volare piu’.
In un primo tempo si era parlato di uno stop temporaneo della mongolfiera, per necessari lavori di manutenzione. Ma i lavori, dal costo di mezzo milione di euro, non possono iniziare: la scadenza della gestione è imminente (mercoledì 29 maggio) e mancano progetti per il futuro.
I bandi lanciati non hanno trovato nessuna nuova proprietà.
Il tribunale fallimentare avrebbe dovuto vendere la mongolfiera e la concessione per pagare i debiti accumulati negli ultimi anni, ma la proposta ricevuta, l’unica arrivata, però, non è purtroppo andata a buon fine.
La manutenzione da mezzo milione di euro non può essere avviata perché manca un investitore.

E ora la mongolfiera, l’importante attrazione per Torino, che vale 15 mila biglietti all’anno, rischia seriamente di essere cancellata.

I problemi e i debiti iniziarono alcuni anni fa. La società Avio San Michele fu la prima ad andare in fallimento. La successiva gestione di Soluzioni Artistiche ha consentito al pallone di continuare a volare in attesa di un compratore. È in questa situazione di precarietà, anche la concessione comunale è provvisoria:  scadrà fra quattro mesi, a settembre 2019, e i canoni di occupazione del suolo pubblico sono da rivedere al rialzo.

Ora, in mancanza di nuovi progetti, il tribunale potrebbe fare una nuova gara, scorporando l’azienda e le sue proprietà. E al prezzo di 650.000 euro (fra costo del pallone e la necessaria manutenzione) potrebbe presentarsi qualcuno per comprare soltanto il pallone aerostatico e non l’intera azienda, quindi chiedere la concessione.
Il quadro resta comunque nebuloso. Andrea Lazzero, di Soluzioni Artistiche, si dichiara ancora ancora interessato all’acquisto e ha lanciato a questo scopo anche una raccolta fondi online.
Alberto Sacco, assessore turismo, si dichiara preoccupato per la vicenda:
«Cancellare la mongolfiera sarebbe un brutto colpo per il quartiere. Ora nel caso non ci siano più speranze dobbiamo rivedere la destinazione di quell’area di fronte al Sermig”.

25/11/2020 

Cronaca

E’ morto Diego Armando Maradona – Addio al fuoriclasse argentino

E’ morto Diego Armando Maradona, il mondo del calcio e dello sport è scosso dalla tragica […]

leggi tutto...

25/11/2020 

Cronaca

Torino – 2020, anno tremendo per la violenza sulle donne: 9 omicidi su 15 sono femminicidi, aumentano aggressioni e stalking

E’ allarmante il quadro emerso dopo la pubblicazione del nuovo report sula violenza sulle donne a […]

leggi tutto...

25/11/2020 

Territorio

Il caso – Sconfitta e tanta desolazione per piazza Crispi, un tempo florido mercato “A quando la riqualificazione?”

Prima della costruzione della tettoia, avvenuta nei primi anni 2000, il mercato di Piazza Crispi era […]

leggi tutto...

25/11/2020 

Torino – Rinasce corso Marconi, ecco il ‘boulevard’ pedonalizzato

Continuano gli interventi strutturali previsti dal Torino Mobility Lab, il piano della Città di Torino studiato […]

leggi tutto...

25/11/2020 

Territorio

Museo Egizio, un patrimonio per l’Umanità – Il Museo è chiuso ma offre un favoloso viaggio virtuale, tutte le Info

Dal 9 marzo il Museo Egizio è chiuso al pubblico, nel rispetto delle prescrizioni per limitare […]

leggi tutto...

25/11/2020 

Economia

Piemonte, Cirio tassa i colossi web per favorire i negozi di vicinato – “Una questione di giustizia economica”

Aumentare l’aliquota dal 3% al 15% sui fatturati delle grandi piattaforme di e-commerce e raddoppiarla fino […]

leggi tutto...

La Regione Piemonte che chiede di modificare la normativa nazionale in materia di Web Tax

made with by dsweb.lab | Privacy Policy