14/08/2020

Territorio

Appendino: “Dico sì ad un accordo col Pd alle prossime elezioni. Pensiamo ai programmi”

CONDIVIDI

Chiara Appendino apre ad un possibile accordo con i partiti tradizionali. E lo spiega con un lungo post su facebook in cui motiva le ragioni del suo ultimo voto sulla piattaforma Rousseau:

“Credetemi, in questi anni da Sindaca di quella che per me è la più bella città del mondo, ho imparato tanto. E forse ciò che ho imparato di più è che le idee, per funzionare, devono andare oltre qualsiasi pregiudizio”, dichiara la sindaca Chiara Appendino, prima di annunciare che voterà sì al secondo dei due quesiti sulla piattaforma grillina, quello che indica la possibilità  di un accordo del Movimento 5 Stelle con i partiti tradizionali.

La linea di Appendino conferma quella tenuta pubblicamente da diversi consiglieri 5stelle di Torino, come la capogruppo Valentina Sganga.
La capogruppo ha rimarcato che, per un accordo alle prossime elezioni comunali, dovranno essere seguite condizioni e programmi che, al momento, non sono quelli per cui lavorano i vertici torinesi del Pd.

Così spiega Appendino:

“Credetemi, in questi anni da Sindaca di quella che per me è la più bella città del mondo, ho imparato tanto. E forse ciò che ho imparato di più è che le idee, per funzionare, devono andare oltre qualsiasi pregiudizio. Non ho alcun timore a dire che mi sono dovuta ricredere su molte persone. Nel bene e nel male.
E non ho alcun timore a dire che se ciò non fosse accaduto probabilmente molti risultati non li avremmo portati a casa. Semplicemente, sono e siamo cresciuti. E se qualcuno preferisce dire che siamo cambiati… beh, sì. Siamo cambiati. Quei paletti che ci siamo dati ci sono serviti a non sbagliare strada quando ancora non sapevamo guidare. Ora siamo cresciuti e, mi sento di dire, è arrivato il momento di guardare oltre quei paletti. Non è una questione di sigle, né di nomi. È una questione di fiducia in noi stessi. È una questione di fiducia nei territori. Votare “sì” al secondo quesito vuol dire dare un’opportunità in più ai territori che oggi non esiste. Ma vuol dire anche far crescere dando più responsabilità. Proprio perché la possibilità di scelta è in sé una responsabilità. Ogni territorio deciderà cosa fare, nell’esclusivo interesse della sua comunità. La fiducia è il dono più bello che si possa fare. Ed è ora di guardare oltre quei paletti. Per questo motivo, su Rousseau, al secondo quesito ho votato sì”.

24/05/2024 

A Torino torna “Flor” – Piante e fiori da tutto il mondo: l’evento internazionale. INFO

A Torino torna “Flor” – Piante e fiori da tutto il mondo: l’evento internazionale. INFO Nell’ambito […]

leggi tutto...

24/05/2024 

Cronaca

Torino – Paura al Supermercato: donna ruba coltelli e minaccia i clienti

Torino – Paura al Supermercato: donna ruba coltelli e minaccia i clienti Il personale del Commissariato […]

leggi tutto...

24/05/2024 

Politica

Bonomi ha concluso il suo mandato a Confindustria – Passaggio di consegne con Orsini

L’assemblea di Confindustria ha eletto Emanuele Orsini come nuovo presidente per i prossimi quattro anni. Orsini […]

leggi tutto...

24/05/2024 

Territorio

Torino: nello splendido Castello di Moncalieri torna il “Salone dei Vini” – Degustazioni, food e tanto altro: il grande evento

Nello splendido Castello di Moncalieri torna il Salone dei Vini – Degustazioni, food e tanto altro: […]

leggi tutto...

23/05/2024 

32 anni fa la strage di Capaci. Il ministro Piantedosi a Palermo: “Onore a chi ha sacrificato la vita contro la mafia”

32 anni fa la strage di Capaci. Il ministro Piantedosi a Palermo: “Onore a chi ha […]

leggi tutto...

23/05/2024 

Sport

Gasperini, attacco a Juve e Inter dopo la vittoria: “Altro che conti in disordine o Superlega..”

Gasperini, attacco a Inter e Juventus dopo la vittoria: “Altro che conti in disordine o Superlega..” […]

leggi tutto...
Privacy Policy Cookie Policy