Buste con polvere sospetta inviata a Lavazza, Ferrero e Vergnano – “Se non pagate vi avveleniamo”

06/04/2019

CONDIVIDI

Alla Lavazza è scattato il protocollo di emergenza

Buste con minacce e tentativi di estorsione sono state recapitate al quartier generale della Lavazza e nello stabilimento del Caffè Vergnano di Santena (Torino).

Le buste sono state inviate dal Belgio e contenevano una lettera scritta in inglese oltre ad una polvere che, dopo le analisi, è stato appurato non essere radioattiva ma forse una sostanza velenosa se ingerita.
Alla Lavazza è scattato il protocollo di emergenza: immediato intervento dei vigili del fuoco e del Nucleo chimico e batteriologico, oltre ai  carabinieri alla Digos: sette dipendenti della Lavazza sono stati trattenuti in isolamento fino alla comunicazione de risultati dell’istituto Zooprofilattico sulla tossicità della polvere.

Nella busta una lettera scritta al computer, che chiede 300mila euro per non avvelenare il caffè. “Se non ci date i soldi vi avveleniamo i prodotti”, la scritta in inglese.

Poche ore dopo un’altra busta con analoga minaccia è stata recapitata allo stabilimento della Ferrero, ad Alba (Cuneo). Polizia e carabinieri continuano le indagini e stanno valutando tutte le ipotesi.

Leggi anche

03/08/2020

Festa del Sacrificio a Torino: scoperto mattatoio clandestino – Cento ovini pronti al macello

E’ stato scoperto un mattatoio clandestino all’interno del quale stavano per essere macellati centinaia di ovini, […]

leggi tutto...

03/08/2020

“Piemonte non in grado di tenere distanziamento su mezzi pubblici, a rischio lavoratori e utenti”

“Il Piemonte non è nelle condizioni di eliminare il distanziamento a bordo dei mezzi pubblici”, sono […]

leggi tutto...

03/08/2020

Fusione tra Intesa San Paolo e Ubi Banca – Nasce la settima banca dell’Eurozona

Dopo le prime offerte del febbraio scorso fra gli azionisti non andate a buon fine, nelle […]

leggi tutto...