Entra armato in una struttura sanitaria, spara alla moglie, poi si uccide

24/01/2020

CONDIVIDI

“Perdonatemi”. Sono le ultime parole lasciate da Giuseppe Prevignano, pensionato di 79 anni. L’uomo, tutti i giorni, andava a trovare la moglie ricoverata in una struttura di Alessandria per un carcinoma all’ultimo stadio.

Quando non è piu’ riuscito a sopportare il dolore dell’anziana compagna si è presentato ancora una volta, l’ultima, alla residenza “Il gelso”. E in quest’ultimo caso è arrivato armato.
Nessuno si è accorto che l’uomo aveva con sé una pistola.
Il 79enne si è avvicinato alla moglie, Gioies Lorenzutti, 72 anni, e le ha sparato. Quindi ha rivolto la pistola contro se stesso e si è ucciso.
All’interno della struttura nessuno ha udito il rumore degli spari. Un dipendente ha trovato i due corpi senza vita e sul comodino il biglietto dell’uomo: “Perdonatemi”.
Sul posto gli agenti della squadra mobile della questura di Alessandria che hanno avviato le indagini di una vicenda già piuttosto chiara nei suoi elementi drammatici e di disperazione.

Leggi anche

30/03/2020

Petrarulo: “Riaprire subito a Torino l’ospedale Maria Adelaide – L’emergenza è senza precedenti”

Nel territorio cittadino sono crescenti le difficoltà delle strutture sanitarie in funzione, vicine ormai alla saturazione […]

leggi tutto...

30/03/2020

Cirio al Governo: “Embraco riparta e produca mascherine e respiratori”

Nel futuro immediato i lavoratori dell’ex Embraco di Riva presso Chieri potrebbero fabbricare respiratori, mascherine e […]

leggi tutto...

30/03/2020

Federconsumatori all’attacco dei negozi: “Prezzi ritoccati al rialzo, atteggiamento ingiustificabile”

L’allarme è stato lanciato da Federconsumatori che mette nel mirino i prezzi aumentati immotivatamente nei supermercati […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy