30/10/2019

Territorio

Giovani e orientamento: problema o opportunità? – L’offerta formativa dell’Istituto “Carlo Grassi” di Torino

CONDIVIDI

Sono numerosi e sempre più veloci i cambiamenti a cui oggi assistiamo: nel mondo del lavoro e dell’economia, nel dare risposte alle attuali esigenze della società, della famiglia e della persona, nell’orientamento dei giovani.

Come riportano le Linee guida nazionali del Miur per l’orientamento permanente, quest’ultimo aspetto è cruciale: “L’orientamento deve, infatti, aiutare le persone a sviluppare la propria identità, a prendere decisioni sulla propria vita personale e professionale, a facilitare l’incontro tra la domanda e l’offerta di formazione e, successivamente, tra domanda e
offerta di lavoro”.

Se il contesto socio-lavorativo è cambiato ed è cambiata la cultura dell’orientamento, è inevitabile che debba mutare anche l’approccio all’orientamento da parte della scuola.
L’Itis “Carlo Grassi” ha accolto questa sfida già da diversi anni, cambiando profondamente mentalità: cercando di dare un più forte accento sullo sviluppo delle competenze di base e di quelle trasversali, investendo sulle lingue straniere, innalzando i livelli di apprendimento in ambito lavorativo e costruendo sistemi di istruzione e formazione professionale di eccellenza.
Dopo i primi due anni, gli studenti possono infatti scegliere tra cinque specializzazioni: costruzioni aereonautiche, elettrotecnica, informatica, meccanica e meccatronica, conduzione del mezzo aereo. Quest’ultima si articola in due modalità: una tradizionale in cinque anni, una sperimentale in quattro anni. L’istituto ha infatti vinto un bando del MIUR che prevede la sperimentazione dell’indirizzo in un arco temporale più breve.
Tuttavia, grazie ad una didattica innovativa ed individualizzata, gli allievi sosterranno l’esame di stato e otterranno le stesse competenze e lo stesso diploma degli studenti che faranno il percorso in cinque anni.
Una ricca ed eterogenea offerta formativa che si articola nell’utilizzo delle tecnologie digitali, e in una più stretta integrazione fra l’istruzione, la formazione professionale, le università e le imprese.

Gli studenti dell’Istituto possono così apprendere sperimentando sia a scuola sia al di fuori della stessa: il “Grassi” si contraddistingue per i molti e attrezzati laboratori (Aereodinamica, Impianti di bordo, Tecnologie e costruzioni aereonautiche, Macchine Utensili CAD CAM, Pneumatica ed
automazione…) e per le numerose collaborazioni con aziende leader dei diversi settori, imprese e professionisti che accolgono i nostri studenti nelle molte esperienze formative e di apprendistato.
In vista delle iscrizioni al prossimo anno scolastico, il Grassi apre le sue porte: il 9 e il 23 novembre, il 7 e il 14 dicembre si svolgeranno, a partire dalle ore 10, gli open day .
Una bella occasione per riflettere sul proprio futuro sull’orientamento da dare al proprio percorso formativo.

20/02/2024 

Territorio

Torino – La Regione stanzia 500mila euro per i corsi di guida sicura rivolti ai neopatentati

Torino – La Regione stanzia 500mila euro per i corsi di guida sicura rivolti ai neopatentati […]

leggi tutto...

20/02/2024 

Sport

Sinner supera Panatta – Ecco tutti i record nel mondo del Campione azzurro

Sinner supera Panatta – Ecco tutti i record nel mondo del Campione azzurro Jannik Sinner ha […]

leggi tutto...

20/02/2024 

Territorio

Torino – La stazione di Porta Nuova è in vendita: ecco quanto costa (e chi potrebbe comprarla)

Torino – La stazione di Porta Nuova è in vendita: ecco quanto costa La storica Stazione […]

leggi tutto...

20/02/2024 

Territorio

A Torino sottoscritto il nuovo Patto per la sicurezza urbana: “Più militari in strada per combattere la delinquenza”

Torino – Sottoscritto il patto per la sicurezza “Più militari in strada per combattere la delinquenza” […]

leggi tutto...

20/02/2024 

Territorio

A Torino è arrivato Johnny Depp – Sta girando le scene del nuovo film: ecco dove

A Torino è arrivato Johnny Depp – Sta girando le scene del nuovo film: ecco dove […]

leggi tutto...

20/02/2024 

Territorio

Elkann, ora i Pm indagano sul Lichtenstein: 10 milioni da un imprenditore russo

Elkann, ora i Pm indagano sul Lichtenstein: 10 milioni da un imprenditore russo Le indagini sulla […]

leggi tutto...
Privacy Policy Cookie Policy