06/03/2024

Politica

Il caso “dossier” sconvolge la politica – Meloni “Gravissimo ciò che emerge dall’inchiesta di Perugia”

CONDIVIDI

Il caso “dossier” sconvolge la politica – Meloni “Gravissimo ciò che emerge dall’inchiesta di Perugia”

La leader di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, ha commentato duramente l’inchiesta di Perugia che ha svelato accessi abusivi a banche dati pubbliche per raccogliere informazioni su personaggi politici e cittadini.

La presidente del Consiglio ha denunciato i “metodi da regime” utilizzati e ha chiesto chiarezza sui “mandanti” di tali operazioni.

Anche  Matteo Salvini ha definito la situazione una “vergogna” annunciando denunce presso le procure italiane.

La preoccupazione per la questione è condivisa da Antonio Tajani e altri esponenti politici, che chiedono di individuare eventuali responsabilità e sottolineano la gravità della situazione.

Nel frattempo, la ricerca di trasparenza continua con l’audizione di figure chiave come Cantone e Melillo presso la commissione Antimafia, su richiesta della stessa Meloni.

Italia Viva, invece, vuole coinvolgere Federico Cafiero de Raho, già procuratore nazionale antimafia e attualmente deputato M5s. L’attenzione sulle vicende emerse dall’inchiesta è alta anche in parlamento, dove si discute su possibili interventi legislativi. La premier, senza citare direttamente il presidente Mattarella, sottolinea la gravità della situazione, criticando l’uso improprio delle banche dati pubbliche da parte di funzionari statali e il loro passaggio di informazioni alla stampa.

“Proprio il fatto che il procuratore di Perugia e il procuratore nazionale Antimafia abbiano chiesto di essere ascoltati – informa l’Ansa  – ha fatto scattare l’allerta tra i parlamentari, soprattutto di maggioranza. Sul fatto che ci possa essere molto altro, e molto più “pericoloso”, di quanto emerso finora. Già così l’inchiesta sta sollevando più di un interrogativo. “C’è un regista?”, si chiede Tajani. “Qualcuno pagava, qualcuno sapeva, qualcuno ne approfittava”, incalza Salvini, sottolineando che gli accessi abusivi si sono concentrati soprattutto sul centrodestra. Mentre “il diritto alla privacy, garantito dall’articolo 15 della nostra Costituzione, è diventato ormai una sorta di aspirazione metafisica”, osserva il ministro della Giustizia Carlo Nordio, augurandosi un intervento “del legislatore” pure sulle intercettazioni”.

 

 

17/07/2024 

Territorio

Paura nel Torinese – Donna cade in un’apertura “a bocca di lupo”. Salvata dai pompieri

Paura nel Torinese – Donna cade in un’apertura “a bocca di lupo” Paura nella giornata di  […]

leggi tutto...

17/07/2024 

Territorio

Torino – Restyling di via Sacchi grazie all’arte. Muri riqualificati con disegni e pannelli: il progetto

Torino – Restyling di via Sacchi grazie all’arte. Muri riqualificati con disegni e pannelli Inaugurato in […]

leggi tutto...

17/07/2024 

Territorio

A Torino ci sono 2 nuove vie pedonali: “Successo per la sperimentazione: più sicurezza, più spazi e meno inquinamento”. Ecco dove

A Torino ci sono 2 nuove vie pedonali: “Successo per la sperimentazione: più sicurezza, più spazi […]

leggi tutto...

17/07/2024 

Sport

Plusvalenze Juve, chiesto il rinvio a giudizio per Andrea Agnelli, Nedved e altri ex dirigenti. Altra penalizzazione in arrivo?

Plusvalenze Juve, chiesto il rinvio a giudizio per Andrea Agnelli e gli ex dirigenti L’inchiesta Prisma […]

leggi tutto...

17/07/2024 

Politica

“No al sequestro delle liquidazioni dei dipendenti pubblici (TFS-TFR)!” – Sindacati contro il Governo lanciano la petizione

“No al sequestro delle liquidazioni dei dipendenti pubblici (TFS-TFR)!” – Sindacati contro il Governo CGIL, UIL, […]

leggi tutto...

17/07/2024 

Cronaca

Vergogna a Torino – Furti a raffica nelle scuole materne, prese di mira dai ladri. Comune “costretto” a installare gli antifurti

Vergogna a Torino – Furti a raffica nelle scuole materne, prese di mira dai ladri. Negli […]

leggi tutto...
Privacy Policy Cookie Policy