Il Killer dei Murazzi “Mi sentivo braccato dai carabinieri, non volevo fare altri guai”

01/04/2019

CONDIVIDI

Said ha raccontato di essere fortemente depresso per la separazione dalla moglie

“Mi sentivo braccato dai carabinieri. Non volevo commettere altri guai”, così Said Machaouat reo confesso del brutale omicidio di Stefano Leo, compiuto il 23 febbraio scorso lungo i Murazzi del Po, ha spiegato perché ha preso la decisione di raccontare il delitto commesso.
Sorprende che l’uomo parli di “guai” riferendosi ad un omicidio compiuto con incredibile ferocia e, a quanto emerge, senza alcun motivo.

La vittima è stata scelta a caso, una vittima che ha avuto la sfortuna di passare davanti all’assassino nel momento tragicamente sbagliato.

Said Machouat, italiano di origini marocchine, ha raccontato di essere fortemente depresso per la separazione dalla moglie e l’impossibilità di vedere i figli.
L’arma del delitto era stata nascosta dall’uomo in una cassetta dell’Enel in piazza d’Armi. Si tratta di un coltello da cucina, inviato ai Ris di Parma per gli accertamenti tecnici.

Leggi anche

28/03/2020

Il Coronavirus non ferma le nascite a Torino – Aumentano i nati al Sant’Anna

Le note di speranza arrivano dall’ospedale Sant’Anna di Torino, dove, nella fase di emergenza che stiamo […]

leggi tutto...

28/03/2020

Tari, verso la sospensione dei pagamenti a Torino – “Necessario sostenere le famiglie”

“Stiamo ragionando di estendere anche alle famiglie il provvedimento relativo alla Tari che ha la scadenza […]

leggi tutto...

27/03/2020

Il Piemonte lancia il grido d’allarme “Saturazione ad un passo, Roma ci invii i ventilatori”

E’ un grido di allarme quello lanciato nella giornata di oggi dal prsidente della Regione Piemonte […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy