09/08/2019

Cronaca

“Il Po a Torino è una discarica di plastica” – Mille tonnellate nel fiume, è un dramma

CONDIVIDI

I dati allarmanti sono stati diffusi in seguito al monitoraggio delle microplastiche nelle acque fluviali.

Lo studio è il primo di questo genere in Italia e uno dei primi effettuati al mondo. Si tratta di un dossier realizzato dallo European Reserch Institute e presentato al ‘Keep Clean and Run’, evento di sensibilizzazione ambientale arrivato alla sua quinta edizione.

Secondo l’analisi degli esperti, ogni giorno superano i confini a sud di Torino e sono trasportati dalla corrente del fiume circa 20 chilogrammi di piccoli frammenti che diventano 3000 kg quando il corso d’acqua esce dalla provincia di Torino . Sono in larga parte corpuscoli piccolissimi, di dimensioni comprese tra 0,3 e 5 millimetri, difficili da tracciare.

Lo studio ha previsto sette tappe: dalla sorgente di Pian del Re (nel Cuneese) alla foce di Pila, in provincia di Rovigo.
Due dei punti di controllo sono stati collocati nel Torinese: in entrata a Pancalieri e in uscita a Chivasso, con l’obiettivo di valutare l’impatto di città e provincia sulla quantità di materiale plastico che purtroppo viene trascinata dal fiume.

I risultati dicono che in un anno, a Torino, arrivano circa 7 tonnellate di minuscoli pezzettini e ne escono oltre 1000 tonnellate.

“Un risultato drammaticamente sorprendente” – ha dichiarato al quotidiano La Stampa Franco Borgogno, a capo del team di ricercatori che hanno effettuato lo studio. “Pensiamo inoltre – ha aggiunto- “che tutte le stime sono state effettuate per difetto, considerando solo il materiale presente in superficie, non quello accumulato sull’alveo».

I minuscoli frammenti di plastica sono come una massa invisibile. “Bisogna immaginarla come una nuvola di smog – ha aggiunto Borgogno – “Ormai è dimostrato che i frammenti sono volatili e si disperdono anche per via aerea”.

Oltre ai minuscoli frammenti, non mancano i rifiuti di grandi dimensioni che per latro non vengono presi in considerazione dallo studio e che darebbero risultati ancor più preccupanti.

Quindi l’importante invito del ricercatore: “La scienza sta studiando gli effetti della dispersione della plastica nell’ambiente. Ora l’unica cosa da fare è agire con le nostre scelte per cercare di ridurne al massimo l’utilizzo”.

Tags

plastica

Po

25/11/2020 

Cronaca

E’ morto Diego Armando Maradona – Addio al fuoriclasse argentino

E’ morto Diego Armando Maradona, il mondo del calcio e dello sport è scosso dalla tragica […]

leggi tutto...

25/11/2020 

Cronaca

Torino – 2020, anno tremendo per la violenza sulle donne: 9 omicidi su 15 sono femminicidi, aumentano aggressioni e stalking

E’ allarmante il quadro emerso dopo la pubblicazione del nuovo report sula violenza sulle donne a […]

leggi tutto...

25/11/2020 

Territorio

Il caso – Sconfitta e tanta desolazione per piazza Crispi, un tempo florido mercato “A quando la riqualificazione?”

Prima della costruzione della tettoia, avvenuta nei primi anni 2000, il mercato di Piazza Crispi era […]

leggi tutto...

25/11/2020 

Torino – Rinasce corso Marconi, ecco il ‘boulevard’ pedonalizzato

Continuano gli interventi strutturali previsti dal Torino Mobility Lab, il piano della Città di Torino studiato […]

leggi tutto...

25/11/2020 

Territorio

Museo Egizio, un patrimonio per l’Umanità – Il Museo è chiuso ma offre un favoloso viaggio virtuale, tutte le Info

Dal 9 marzo il Museo Egizio è chiuso al pubblico, nel rispetto delle prescrizioni per limitare […]

leggi tutto...

25/11/2020 

Economia

Piemonte, Cirio tassa i colossi web per favorire i negozi di vicinato – “Una questione di giustizia economica”

Aumentare l’aliquota dal 3% al 15% sui fatturati delle grandi piattaforme di e-commerce e raddoppiarla fino […]

leggi tutto...

La Regione Piemonte che chiede di modificare la normativa nazionale in materia di Web Tax

made with by dsweb.lab | Privacy Policy