18/03/2020

Cronaca

Lo studio conferma: Smog e Pm10 hanno accelerato la diffusione del Coronavirus

CONDIVIDI

C’è anche l’inquinamento atmosferico, un elemento che purtroppo vede Torino ai vertici in Europa, fra le componenti che hanno portato alla rapida diffusione del coronavirus.
“Le polveri stanno veicolando il virus. Fanno da carrier. Più ce ne sono, più si creano autostrade per i contagi” – è quanto emerge dall’ultimo studio di un gruppo di ricercatori dell’Università di Bari, che ha esaminato i dati forniti dalle Agenzie regionali per la protezione ambientale relativi a tutte le centraline di rilevamento attive in Italia.

Nell’analisi è stato registrato il numero di episodi di superamento dei limiti di legge (ossia 50 microg/m3 di concentrazione media giornaliera) nelle diverse province italiane. Sforamento che come ben sanno i torinesi ha riguardato innumerevoli volte il capoluogo piemontese (ma anche numerose altre province della pianura padana).

Dallo studio emerge che: “il particolato atmosferico, oltre ad essere un carrier, costituisce un substrato che può permettere al virus di rimanere nell’aria in condizioni vitali per un certo tempo, nell’ordine di ore o giorni”- spiegano dall’Università di Bari.
Analizzando i casi di contagio da Covid 19 è emersa così una relazione tra i superamenti dei limiti di legge delle concentrazioni di Pm10 e il numero dei contagiati.

“Le alte concentrazioni di polveri registrate nel mese di febbraio hanno prodotto un boost, un’accelerazione alla diffusione del Covid-19. L’effetto è più evidente in quelle province dove ci sono stati i primi focolai”, ha dichiarato al Fatto Quotidiano Leonardo Setti, dall’Università di Bologna.
A queste parole si aggiungono quelle di Alessandro Miani, presidente della Società Italiana di Medicina Ambientale (Sima):

L’impatto dell’uomo sull’ambiente sta producendo ricadute sanitarie a tutti i livelli – ha dichiarato al Fatto – “Questa dura prova che stiamo affrontando a livello globale deve essere di monito per una futura rinascita in chiave realmente sostenibile, per il bene dell’umanità e del pianeta. In attesa del consolidarsi di evidenze a favore dell’ipotesi presentata, in ogni caso la concentrazione di polveri sottili potrebbe essere considerata un possibile indicatore o ‘marker’ indiretto della virulenza dell’epidemia da Covid19″.

23/05/2024 

32 anni fa la strage di Capaci. Il ministro Piantedosi a Palermo: “Onore a chi ha sacrificato la vita contro la mafia”

32 anni fa la strage di Capaci. Il ministro Piantedosi a Palermo: “Onore a chi ha […]

leggi tutto...

23/05/2024 

Territorio

Torinese baciato dalla fortuna: vince Un milione di euro giocando schedina da 2: ecco dove

Torinese baciato dalla fortuna: vince Un milione di euro giocando schedina da 2 Vincita clamorosa sul […]

leggi tutto...

23/05/2024 

Sport

Gasperini, attacco a Juve e Inter dopo la vittoria: “Altro che conti in disordine o Superlega..”

Gasperini, attacco a Inter e Juventus dopo la vittoria: “Altro che conti in disordine o Superlega..” […]

leggi tutto...

23/05/2024 

Cronaca

Torino – Creano il caos in stazione e sul bus: un padre risponde con spranga di ferro: 10 arresti

Torino – Creano il caos in stazione e sul bus: un padre risponde con spranga di […]

leggi tutto...

23/05/2024 

Territorio

Torino – Lavori urgenti in corso Regina Margherita: limite a 30 Km/h. Info utili

Torino – Lavori urgenti in corso Regina Margherita: limite a 30 Km/h. Info  Corso Regina Margherita. […]

leggi tutto...

23/05/2024 

Territorio

La stampa 3D sta trasformando la produzione di Jet privati – Una rivoluzione nell’industria aeronautica

La stampa 3D sta trasformando la produzione di Jet privati – Rivoluzione nell’industria aeronautica L’industria aeronautica […]

leggi tutto...