Cronaca

M5S su crisi Teatro Regio “Pessima la gestione Vergnano. Ora ridiamo vita a questa eccellenza culturale”

CONDIVIDI

Il Movimento 5 Stelle regionale, sulla crisi del Teatro Regio di Torino, va all’attacco della gestione Vergnano, che ha causato, secondo il pensiero della Vicepresidente alla Commissione Cultura Francesca Frediani, un calo del livello di produzione, oltre a problemi di sicurezza per i lavoratori e condizioni lavorative non adeguate.
E’ arrivato il momento, secondo i Cinquestelle, di cambiare pagina per ridare vita a quella che è un’eccellenza culturale di Torino e di tutto il Paese:

“Sono stati ascoltati in Commissione regionale Cultura i vertici del Teatro Regio di Torino, un’audizione richiesta dal Movimento 5 Stelle per far luce sulla situazione attuale e sul futuro rispetto al piano industriale” – spiega la consigliera pentastellata in Regione Frediani, che aggiunge:

“Sono evidenti i danni causati dalla pessima gestione di Vergnano in cui non è stato mantenuto il livello di produzione adeguato ad ottenere fondi nazionali FUS, Fondo Unico Spettacolo. Inoltre i lavoratori denunciano problemi di sicurezza, ricordiamo il grave incidente avvenuto a gennaio, e condizioni lavorative che potrebbero pregiudicare la qualità dell’offerta. In questo quadro ci aspettiamo che la Regione Piemonte faccia la propria parte garantendo con puntualità i fondi dovuti.
Adesso – conclude Frediani – “Occorre voltare pagina e pensare seriamente al futuro di questa eccellenza culturale. Un futuro che dovrebbe portare alla creazione di una compagnia stabile in grado di consentire di raggiungere tutte le fasce di pubblico, coinvolgere le scuole e potenziare la collaborazione con le realtà del territorio piemontese. Interessante la prospettiva di istituire un’agenzia di formazione, in grado di intercettare fondi europei, sfruttando le professionalità del teatro ed offrendo un supporto unico alle scuole musicali e professionali. Auspicabile, e annunciato dal sovrintendente Graziosi, un intervento di ottimizzazione dei costi dei servizi e laddove possibile l’internalizzazione di alcuni. Sono queste proposte già delineate da una mozione approvata in Consiglio comunale a Torino lo scorso luglio e che riproporremo in Consiglio regionale”.

21/10/2020 

Piemonte – Al battesimo partecipano in 60, arrivano i carabinieri: tutti identificati e multati

In barba alle norme sugli assembramenti del nuovo decreto, si sono radunati in 60 all’interno di […]

leggi tutto...

21/10/2020 

Cronaca

Covid a Torino – Chiude la movida di Piazza Santa Giulia: coprifuoco atteso anche in altre zone

Le misure restrittive sulla movida arrivano anche a Torino per limitare il diffondersi del contagio. E’ […]

leggi tutto...

21/10/2020 

Cronaca

Coronavirus in Piemonte, nuovo triste record: 1400 casi in poche ore, l’emergenza dilaga

Continua l’impennata di casi di coronavirus in Piemonte. In controtendenza rispetto al resto del Paese che […]

leggi tutto...

20/10/2020 

Cronaca

Torino – Parcheggiatrice abusiva a Porta Nuova, minaccia di rigare le auto: arrestata

Sabato pomeriggio, personale del Commissariato Centro è intervenuto in via Nizza 3, dove due fratelli di […]

leggi tutto...

20/10/2020 

Cronaca

Emergenza Covid – Il Piemonte chiude i centri commerciali e mette il coprifuoco – La situazione

Emergenza Covid: è in arrivo una nuova stretta in Piemonte per le attività commerciali. L’ordinanza sarà […]

leggi tutto...

20/10/2020 

Cronaca

Torino – Caos assembramenti: valanghe di chiamate al 112, la movida non si ferma: “Intervenire subito!”

Ogni sera arrivano, al numero 112 e a quello della Polizia Municipale, una valanga di segnalazioni […]

leggi tutto...

Caos assembramenti: il Capogruppo Raffaele Petrarulo del Gruppo Lista Civica Sicurezza e Legalità ha presentato un'interpellanza

made with by dsweb.lab | Privacy Policy