Bimba morta di malaria, sotto accusa la pediatra “Ha sconsigliato il vaccino prima del viaggio”

30/09/2019

CONDIVIDI

Tornata con mal di pancia e mal di testa, la bimba era stata portata

Quattordici giorni dopo il ritorno dalla Nigeria, paese di origini della madre con la quale era partita in estate, Maria Rapallini è morte di malaria all’ospedale infantile di Alessandria .
Ma ora, sul decesso della piccola di soli sette anni, residente a Carbonara Scrivia, vicino a Tortona,  la madre vuole chiarezza.

Secondo la versione della donna, prima della partenza si sarebbe recata dalla pediatra per chiedere consiglio sulla necessità di fare una profilassi antimalarica. A quanto emerge la profilassi non è stata eseguita. Dopo la denuncia contro ignoti, da parte della famiglia della piccola Maria, la procura di Alessandria ha aperto un fascicolo per omicidio colposo e ha disposto il sequestro della cartella clinica. Resta da valutare se sul decesso della bimba ci siano state responsabilità mediche, prima di un viaggio in cui in tutto l’anno è elevato il rischio di contagio soprattutto per la forma di malaria provocata dal parassita Plasmodium falciparum.

Tornata con mal di pancia e mal di testa, la bimba era stata portata dalla pediatra, che secondo il racconto della madre, avrebbe semplicemente prescritto pastiglie e sciroppo per la tosse, non sospettando si trattasse di nulla di grave.

Venerdì scorso  Maria è stata portata in ospedale in condizioni gravissime, come spiegato dall’ospedale in una nota: “La bambina è arrivata all’Infantile in condizioni gravi. La diagnosi della malattia, malaria, è avvenuta in modo tempestivo direttamente al Pronto Soccorso. I medici hanno pertanto proceduto con la massima rapidità alla somministrazione della terapia, secondo le indicazioni che sono previste nei protocolli. Il personale che ha assistito la piccola così come la direzione dell’azienda sono provati dalla vicenda e si uniscono al dolore della famiglia che ha sporto denuncia contro ignoti e rimangono a disposizione alla collaborazione con le autorità competenti per comprendere lo svolgimento dei fatti”.

Non ci sono pericoli di contagio, secondo l’informazione diffusa dal servizio Igiene e profilassi dell’Asl di Alessandria.

Leggi anche

20/02/2020

Picchia la compagna davanti ai figli piccoli, poi la insegue con un coltello in casa – Arrestato

In pigiama, scalza e tremolante, con un bambino di un anno in braccio: in queste condizioni, […]

leggi tutto...

20/02/2020

Trionfo di un gruppo torinese a Italia’s got Talent – Bastianich e il pubblico in delirio VIDEO

Un autentico trionfo per il Sunshine Gospel Choir, gruppo gospel esplosivo di Torino. Energia allo stato […]

leggi tutto...

20/02/2020

Blatte e insetti morti in un locale di San Salvario – 80 kg di cibo sequestrato

Nella giornata di ieri personale del commissariato Barriera Nizza, coadiuvato da personale della Polizia Municipale Circoscrizione […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy