Il T-Red inizia a colpire a Torino – Fioccano le multe, una ogni due minuti e mezzo

03/12/2019

CONDIVIDI

I primi risultati vedono sanzioni ogni due minuti e mezzo

Iniziano a fioccare le multe dopo il primo giorno di installazione dei T-Red, i semafori dotati di videosorveglianza per colpire chi passa con il rosso.
I primi risultati vedono sanzioni ogni due minuti e mezzo, e una media di 26 verbali l’ora per gli incroci piu’ pericolosi in città.
Sono multe potenziali per i passaggi con semaforo rosso registrati dagli occhi al silicio collocati nei primi tre incroci pericolosi di Torino.

In particolare, se nel pomeriggio di ieri la situazione era piuttosto ‘tranquilla’ all’incrocio fra corso Regina Margherita, Lecce, Potenza con 13 passaggi con il rosso, decisamente piu’ alti sono stati i dati registrati negli altri due incroci monitorati: tra corso Trapani e corso Peschiera si sale a 165 passaggi con il rosso. Tra i corsi Vigevano, Novara e Vercelli si arriva addirittura a 230: in totale 408 potenziali violazioni.
Dalla Municipale informano che prima che le violazioni si trasformino in multe sarà necessario che la sequenza di fotogrammi sia visionata e valutata da un agente della polizia municipale. Una sorta di Var per gli automobilisti.

Se il rosso è stato bruciato per causa di forza maggiore o per necessità (come ad esempio per consentire il passaggio di ambulanze o auto della polizia a sirene spiegate)l’automobilista è salvo.  Altrimenti scatterà la multa.
Considerando la media delle prime 16 ore, i passaggi con il rosso nei punti monitorati si attestano tra i 600 e i 650.
Queste le multe che rischiano di pagare i trasgressori: tra le 7.00 e le 22.00, da un minimo di 163 euro fino a 646 euro. Mentre fra ra le 22.00 e le 7.00, l’importo minimo sale a 200 euro.

Un sconto del 30% è previsto se si paga entro 5 giorni. Decurtazione di punti dalla patente: 6 punti di base, fino a 12 se si tratta di un neopatentato. E qualora si commettesse la stessa infrazione nel giro di due anni, si avrà la sospensione della patente da uno a tre mesi.
L’incasso stimato per le casse comunali è di circa 100 mila euro al giorno.

Nelle prossime settimane verranno attivati altri quattro impianti, gli ultimi, invece, nel 2020. Questo l’elenco degli punti piu’ pericolosi, per incidenti e morti sulla strada, che verranno sorvegliati dai T-Red, oltre ai tre incroci già menzionati.

Corso Unione Sovietica all’angolo con piazzale San Gabriele di Gorizia

Incrocio di corso Siracusa con via Tirreno

Corso Vittorio Emanuele II angolo corso Castelfidardo

Corso Lecce con corso Appio Claudio

Via Pianezza angolo corso Potenza

Corso Vittorio Emanuele II con corso Vinzaglio

Piazza Pitagora

Corso Turati angolo corso Rosselli

Corso Unione Sovietica angolo corso Bramante

Incrocio tra corso Agnelli e corso Tazzoli

Tags

T-Red

Torino
Leggi anche

13/12/2019

Incendio scoppiato in un negozio di corso Giulio Cesare – Un albergo evacuato

Un incendio è scoppiato improvvisamente nel pomeriggio di oggi in un phone center di corso Giulio […]

leggi tutto...

13/12/2019

Greta a Torino, davanti a migliaia di persone “E’ una città stupenda, continuiamo a lottare”

Greta Thunberg è salita sul palco in piazza Castello per il presidio di Fridays For Future. […]

leggi tutto...

13/12/2019

A fuoco l’ex Istituto Baldracco, dentro vivono numerose famiglie – “Poteva essere una tragedia”

Poteva essere una tragedia: alle 11,30 di oggi, venerdì 13 dicembre, un rogo si è sviluppato […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy