La folla di Torino riaccende scontro politico – Lega “Tav va fatta”. M5S “No se porta debiti”

11/11/2018

CONDIVIDI

"Se l'opera comporterà un grosso debito per il Paese chiaramente non verrà realizzata" - dice il M5S

Nonostante alcune gocce di pioggia che hanno bagnato la città nel corso della mattinata di ieri, è stata imponente la partecipazione dei manifestanti in piazza Castello a Torino.

Erano quarantamila presenti secondo gli organizzatori, 25mila, secondo la questura.

Comunque sia, un successo di partecipazione per l’evento organizzato nel centro di Torino dalle associazioni “Sì, Torino va avanti” e “Sì lavoro” di Mino Giachino, ex sottosegretario ai Trasporti di Forza Italia.

In piazza per gridare il proprio Sì alla Tav e contestare i No della giunta Appendino anche esponenti del Pd, di Forza Italia, Lega e Moderati, oltre a cittadini e numerose associazioni di categoria.
Proprio la presenza di esponenti della Lega ha riacceso il dibattito sulla volontà del governo gialloverde di portare avanti l’opera.

Matteo Salvini si è posto su una posizione più conciliante col contratto di governo, pur restando favorevole all’opera:
Se c’è in corso un’analisi costi-benefici, aspettiamo che gente più competente di me dica se costa di più andare avanti o tornare indietro. In linea di principio, vale per la Pedemontana, per la Tav, il Terzo Valico – ha detto il vicepremier commentando la manifestazione di Torino e ha aggiunto:
“Io sono sempre convinto che un’opera cominciata è sempre meglio finirla. Però nel contratto c’è l’analisi e aspettiamo i risultati“.

Più convinto il ministro dell’Agricoltura della Lega Gian Marco Centinaio: “Sono convinto che la Tav sia una struttura che serve e secondo noi della Lega la Tav si fa” – ha dichiarato.

La risposta pentastellata non è tardata ad arrivare. Manlio Di Stefano, sottosegretario M5S agli Affari esteri, ha commentato la giornata di Torino: “Fondamentale la democrazia ,così come la partecipazione, ma bisogna essere sinceri con i cittadini. Chi sostiene il governo in carica deve ricordare ai torinesi che stiamo valutando costi-benefici dell’opera, come si può leggere nel contratto. E se l’analisi ci dirà che fare l’opera è un sacrificio economico, e dunque comporterà un grosso debito per il Paese, l’opera chiaramente non si farà”.

Insomma lo scontro sulla Tav è quanto mai aperto, anche all’interno del governo.

Leggi anche

20/02/2019

A folle velocita era riuscito a scappare dalla Polizia. Rintracciato il rapinatore di Rolex che colpiva a Torino

La Polizia di Stato di Torino ha dato esecuzione all’Ordinanza di Applicazione della Misura Cautelare della […]

leggi tutto...

20/02/2019

Truffe on-line su Subito.it e Kijiji.it –Numerose denunce e l’allarme lanciato dai carabinieri

Subito e Kijiji sono alcuni dei più frequentati siti di annunci online italiani. Offrono la possibilità […]

leggi tutto...

20/02/2019

‘Vecchia’ stazione di Porta Susa addio, ceduta per 6 milioni di euro- Al suo posto hotel e attività commerciali

E’ stata ceduta, per 6 milioni e 405 mila euro, l’ex stazione ferroviaria di Porta Susa, […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy