La gioia di Appendino: “Oggi abbiamo scritto un pezzo di storia – Un motivo per cui vale fare Politica”

23/04/2018

CONDIVIDI

Il commento della sindaca dopo la registrazione all'anagrafe dei figli delle 3 famiglie omogenitoriali

“L’amore di una famiglia è un diritto che va oltre a qualsiasi categoria o definizione socialmente imposta” – aveva dichiarato pochi giorni fa la sindaca di Torino Chiara Appendino, che stamattina ha registrato all’anagrafe cittadina i figli di 3 coppie omogenitoriali, fra cui Niccolò come figlio della consigliera Pd Chiara Foglietta e della sua compagna Micaela Ghisleni.

Pochi minuti fa la sindaca ha reso pubblica la propria soddisfazione sull’esito della mattinata:

“Oggi la famiglia di Maria e Anna e il piccolo Giorgio, quella di Piero e Francesco e i piccoli Gabriel e Sebastian e quella di Chiara e Micaela e il piccolo Niccolò Pietro sono state riconosciute nella loro interezza dalla Città di Torino” – ha dichiarato Appendino, che ha aggiunto:

A livello di legislazione, l’Italia non è ancora pronta a questo passo, ma noi abbiamo deciso senza dubbio alcuno di compiere un gesto forte, superando molti ostacoli. Per questo lavoro permettetemi di ringraziare l‘Assessora ai servizi civici Paola Pisano, l’Assessore alle famiglie Marco Alessandro Giusta e gli uffici che ci hanno assistiti con grande professionalità.
Oggi è una di quelle giornate per cui vale davvero la pena ogni goccia di energia spesa per fare Politica. Oggi abbiamo contribuito a scrivere un pezzo di storia”.

Leggi anche

11/12/2018

Alta Velocità – Nuova Stazione a Chivasso: “La Regione non perda tempo”

“A che punto è il progetto della fermata dell’alta velocità a Chivasso?”: così Benito Sinatora, consigliere […]

leggi tutto...

11/12/2018

No all’aumento dei posti letto ospedalieri in Piemonte

No all’incremento del numero di posti letto ospedalieri pubblici e privati e delle case di cura […]

leggi tutto...

11/12/2018

Uccide a bastonate il figlio disabile. Fermato dai carabinieri l’anziano padre

Un uomo di 41 anni, disabile, è stato ucciso dal padre che lo ha colpito ripetutamente, […]

leggi tutto...