M5S su crisi Teatro Regio “Pessima la gestione Vergnano. Ora ridiamo vita a questa eccellenza culturale”

CONDIVIDI

Il Movimento 5 Stelle regionale, sulla crisi del Teatro Regio di Torino, va all’attacco della gestione Vergnano, che ha causato, secondo il pensiero della Vicepresidente alla Commissione Cultura Francesca Frediani, un calo del livello di produzione, oltre a problemi di sicurezza per i lavoratori e condizioni lavorative non adeguate.
E’ arrivato il momento, secondo i Cinquestelle, di cambiare pagina per ridare vita a quella che è un’eccellenza culturale di Torino e di tutto il Paese:

“Sono stati ascoltati in Commissione regionale Cultura i vertici del Teatro Regio di Torino, un’audizione richiesta dal Movimento 5 Stelle per far luce sulla situazione attuale e sul futuro rispetto al piano industriale” – spiega la consigliera pentastellata in Regione Frediani, che aggiunge:

“Sono evidenti i danni causati dalla pessima gestione di Vergnano in cui non è stato mantenuto il livello di produzione adeguato ad ottenere fondi nazionali FUS, Fondo Unico Spettacolo. Inoltre i lavoratori denunciano problemi di sicurezza, ricordiamo il grave incidente avvenuto a gennaio, e condizioni lavorative che potrebbero pregiudicare la qualità dell’offerta. In questo quadro ci aspettiamo che la Regione Piemonte faccia la propria parte garantendo con puntualità i fondi dovuti.
Adesso – conclude Frediani – “Occorre voltare pagina e pensare seriamente al futuro di questa eccellenza culturale. Un futuro che dovrebbe portare alla creazione di una compagnia stabile in grado di consentire di raggiungere tutte le fasce di pubblico, coinvolgere le scuole e potenziare la collaborazione con le realtà del territorio piemontese. Interessante la prospettiva di istituire un’agenzia di formazione, in grado di intercettare fondi europei, sfruttando le professionalità del teatro ed offrendo un supporto unico alle scuole musicali e professionali. Auspicabile, e annunciato dal sovrintendente Graziosi, un intervento di ottimizzazione dei costi dei servizi e laddove possibile l’internalizzazione di alcuni. Sono queste proposte già delineate da una mozione approvata in Consiglio comunale a Torino lo scorso luglio e che riproporremo in Consiglio regionale”.

Leggi anche

12/11/2018

Le donne del SI’ TAV ‘snobbano’ la sindaca Appendino – “Prima parliamo con Mattarella”

Continua il botta e risposta fra le promotrici della manifestazione Sì, Torino va avanti’, che ha […]

leggi tutto...

12/11/2018

Tragedia di Ponte Morandi – Un premio assegnato ai Vigili di Torino

“Siamo orgogliosi del senso del dovere e dell’impegno civile che il Corpo della Polizia municipale di […]

leggi tutto...

12/11/2018

Rave party abusivo a Torino – Oltre 70 persone identificate

Sono state identificate in via Cimarosa, all’ angolo con via Bologna, oltre 70 persone che si […]

leggi tutto...