Picchiata a 15 anni a Torino perché lesbica – Gravissimo episodio a Porta Nuova

04/11/2019

CONDIVIDI

Nessuno è intervenuto in difesa della ragazza

Un fatto gravissimo è accaduto Porta Nuova, all’uscita dalla metropolitana. Una ragazza di 15 anni ha raccontato di essere stata accusata di essere lesbica da un adulto perché vestita con abiti troppo maschili. Quindi sarebbe stata persino colpita al volto con un pugno dal’uomo.
L’episodio è accaduto giovedì sera ed è stato riportato da Arcigay Torino. Il presidente dell’associazione Riccardo Zucaro ha sottolineato:
“Non è questo il primo caso di violenza a sfondo lesbofobico di quest’anno a Torino. Da anni – prosegue Zucaro – Arcigay Torino lotta contro le discriminazioni e la violenza omo-lesbo-bi-transfobica. Chi incarna i principi di una cultura fortemente patriarcale e machista esercita con sempre maggiore violenza un’azione di oppressione nei confronti di chi non si colloca in ruoli precisi, a volte sfociando in aggressioni fisiche. Per questo, vogliamo non solo denunciare l’accaduto, ma muoverci il più possibile per arginare questi fatti”

Sull’episodio è intervenuto anche l’assessore ai Diritti del Comune di Torino Marco Giusta:

“La lesbofobia, così come l’omofobia e la transfobia sono mali che attanagliano la nostra società da cui fatichiamo estremamente a liberarci. Per ogni diritto acquisito, per ogni battaglia vinta a livello comunale o nelle corti, ci viene fatto pagare un prezzo di aggressioni e violenze. Torino vorrebbe liberarsi una volta per tutte dalle discriminazioni, che però tornano fuori ogni volta creando nuove correlazioni, come in questo caso, dove tra lesbofobia e violenza di genere il confine è labile. L’unica, vera soluzione è una legge nazionale, che garantisca non solo la persecuzione del reato, ma crei una trasformazione culturale diffusa, a iniziare dalle scuole. Nel frattempo proviamo a costruire una società che non resti ferma quando vede un gesto di discriminazione e violenza, e sono personalmente e istituzionalmente vicino a Lisa e personalmente e istituzionalmente seriamente rattristato dal fatto che nessuno/a è intervenuto/a in sua difesa. L’indifferenza è a volte più spaventosa della violenza stessa.”

Leggi anche

23/01/2020

Due arzille ottantenni mettono in fuga i truffatori

Nella stessa mattina, in entrambi i casi nel quartiere Pozzo Strada, due anziane signore hanno messo […]

leggi tutto...

23/01/2020

Legambiente conferma: Torino prima in Italia per lo smog – Emergenza sotto la Mole

A confermare l’allarme smog in città, ormai noto a tutti i torinesi, arriva anche il nuovo […]

leggi tutto...

23/01/2020

“Il Crodino resti qui!” – La battaglia dei lavoratori, la produzione dovrebbe cessare nel 2020

L’aperitivo ‘biondo’ è nato nel 1964 e porta il nome del piccolo paese piemontese. Ma nello […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy