Proposta innovativa per Torino – Metro 2 e se progettassimo anche la Metro 3 in appoggio?

03/10/2018

CONDIVIDI

Si potrebbe garantire in un colpo solo un doppio e importante collegamento

Una proposta che può far discutere e creare in futuro sviluppi interessanti è stata inviata da un residente appassionato di trasporti al Comune di Torino, attraverso il portale deciditorino.it (sito che interfaccia Comune di Torino e abitanti) e alla nostra redazione.

Nella lettera si presenta uno scenario futuribile ma alquanto innovativo per il sistema di comunicazione cittadino, che potrebbe prevedere la realizzazione di una M3 per Torino in appoggio alla Metro 2.

Diego Giacobbi, cittadino che ha già partecipato ad alcuni dibattiti con l’assessore ai Trasporti Maria La Pietra, spiega così la sua idea:

“Negli ultimi incontri pubblici e sul portale deciditorino.it – ci scrive Giacobbi – “Era stata fatta presente la criticità della chiusura su sé stessa che avrebbe la metro se si seguisse l’attuale progetto fino a Rebaudengo FS. Ma nell’intervento che io feci all’ultimo incontro, dal momento che esiste il progetto di estendere la M2 fino a San Mauro o Pescarito e vista la criticità espressa a più riprese sulla direzione Rebaudengo, avevo proposto: perché non fare un collegamento ‘people mover’ (che chiamai volgarmente trenino) tra la M2 e Rebaudengo, ovviamente in sotterranea sul tratto del trincerone attualmente presente?
In questo modo, entrando in una mentalità di esercizio, la M2 rimarrebbe ottimizzata per garantire un collegamento celere verso l’esterno (senza dispersione di convogli) e il people mover un collegamento rapido ottimizzabile nelle eventuali fasce orarie dove c’è scarsa affluenza di passeggeri su quel tratto.

Partendo da queste premesse – aggiunge il residente – mi sono anche chiesto: perché non far partire in parallelo già il progetto della M3 oltre a quello già in cantiere della M2? ”

“La progettazione diverrebbe naturale – prosegue Giacobbi – “Così facendo, infatti, si potrebbe già garantire in un colpo solo un doppio collegamento mettendo una linea diretta a San Mauro e l’altra diretta a Pescarito (con possibile futura estensione a Settimo). Si avrebbero così, in un colpo solo, tutte le interconnessioni tra SFM e M2 con possibilità di sfruttare già spazi ed infrastrutture presenti o di futuro abbandono.

L’autore della letter, nella sua proposta, illustra che la M2 potrebbe già dirigersi verso San Mauro senza passare dal trincerone seguendo già le proposte attuali di progetto finora espresse, mentre la M3 potrebbe “dirigersi verso est seguendo il trincerone con successivo transito sotto via Cravero e piazza Sofia (che funzionerà da stazione d’interscambio con la M2) per poi proseguire sotto Strada Settimo verso Pescarito”

Ha parlato inoltre anche di una possibile espansione ad ovest della stazione di Rebaudengo verso l’attuale stazione SFM Madonna di Campagna, sfruttando parte dell’attuale ferrovia sotto via Stradella con passaggio su via Casteldelfino e via Breglio ed un possibile futuro scenario di espansione ad ovest per poi proseguire verso sud.

Per chi fosse interessato ad approfondire, la seguente proposta è consultabile integralmente qui:

https://www.deciditorino.it/proposals/95-metro-2-e-se-progettassimo-anche-la-metro-3-in-appoggio

Leggi anche

15/11/2018

Torino, prima città ‘Drone-sorvegliata’ in Italia – Monitoraggio capillare per aumentare la sicurezza

La questione sicurezza è sempre di primaria importanza a Torino. In alcuni quartieri, presi d’assalto da […]

leggi tutto...

15/11/2018

Temperature in picchiata nel week-end. 10 gradi in meno nel basso Torinese e nel Cuneese

Le correnti fredde stanno per entrare in Piemonte: l’aria invernale ormai è alle porte e dopo […]

leggi tutto...

15/11/2018

Inchiodato il piromane degli autobus – “Non mi facevano salire senza biglietto”

Al termine dell’interrogatorio di stamattina condotto dai carabinieri di Venaria, il 50enne sospettato di aver appicato […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy