Sport e disabilità – Inaugurata la nuova palestra inclusiva per i ragazzi

31/10/2018

CONDIVIDI

La nuova struttura garantirà alle persone con disabilità ambienti adatti al loro allenamento e al miglioramento psico- fisico del proprio corpo

È stata inaugurata questo pomeriggio palestra inclusiva “Paolo Mosconi”. Una nuova importante realtà nel mondo dello sport per disabili intellettivi in frazione San Rocco Castagnaretta (CN), nata grazie ad una donazione elargita da Arnoldo Mosconi all’ASD Amico Sport e finalizzata alla realizzazione di un impianto sportivo per i ragazzi con disabilità da dedicare al figlio Paolo, venuto a mancare alcuni anni fa.

Il progetto ha visto il recupero di un capannone ex artigianale, in cui sono stati  recuperati e realizzati spazi da adibire a palestra, spogliatoi, docce e parte di servizi quali uffici, sale  polivalenti e un appartamento per l’avviamento alla vita autonoma del disabile.
L’intento dell’Associazione Amico Sport è far sì che questi spazi possano essere utilizzati da più utenti appartenenti a diverse fasce d’età (bambini, adolescenti, adulti), con o senza disabilità.
Presente all’inaugurazione, l’assessore regionale allo Sport Giovanni Maria Ferraris
ha commentato entusiasta:
“Grazie all’impegno di Amico Sport e alla sensibilità dimostrata da persone illuminate e generose, oggi inauguriamo una innovativa struttura sportiva per il mondo della disabilità. Lo sviluppo e la promozione dello sport per i disabili sono stati al centro delle mie politiche regionali, ma questo progetto, primo in Italia nel suo genere, credo meriti un plauso davvero speciale”.

Ad oggi Amico Sport coinvolge circa 130 atleti e 40 tra volontari, tecnici e accompagnatori, organizzando 14 attività motorie in diversi siti. L’obiettivo da oltre vent’anni è lo stesso: ridare fiducia e speranza nelle proprie potenzialità a persone che non ne avevano più.
I nuovi  locali, oltre a servire da punto di riferimento, garantiranno alle persone con disabilità ambienti inclusivi ed adatti al loro allenamento ed al miglioramento psico- fisico del loro corpo.

“I nostri ragazzi cuneesi – ha concluso l’assessore Ferraris – da oggi avranno un luogo in cui avvicinarsi all’attività sportiva, scoprendo nuovi modi per stare insieme, divertirsi,
confrontarsi e guadagnarsi una nuova dimensione nella società”.

Leggi anche

12/11/2018

Le donne del SI’ TAV ‘snobbano’ la sindaca Appendino – “Prima parliamo con Mattarella”

Continua il botta e risposta fra le promotrici della manifestazione Sì, Torino va avanti’, che ha […]

leggi tutto...

12/11/2018

Tragedia di Ponte Morandi – Un premio assegnato ai Vigili di Torino

“Siamo orgogliosi del senso del dovere e dell’impegno civile che il Corpo della Polizia municipale di […]

leggi tutto...

12/11/2018

Rave party abusivo a Torino – Oltre 70 persone identificate

Sono state identificate in via Cimarosa, all’ angolo con via Bologna, oltre 70 persone che si […]

leggi tutto...