Violentate da un maniaco clandestino nei parchi di Torino – Le vittime chiedono i danni allo Stato

10/10/2019

CONDIVIDI

Le vittime chiedono giustizia

Chiederanno i danno allo Stato le vittime delle aggressioni e violenze sessuali del maniaco seriale, che due estati fa colpì a ripetizione nei parchi alla periferia sud di Torino.

Una richiesta che deriva dallo stato di clandestinità dell’uomo, 28 anni, originario del Ghana. Ieri mattina la sentenza di primo grado che gli infliggeva cinque anni e 8 mesi di reclusione in abbreviato è stata confermata, compresa la parte in cui stabiliva che il risarcimento del danno venisse determinato in sede civile.

Ma intentare una causa di questo tipo potrebbe essere molto costoso, e, spiega l’avvocato Schettini (fra i legali delle parti civili) decisamente inutile, dal momento che il condannato ghanese è irregolare nel nostro paese ed è nullatenente.
Il legale proverà quindi ad attingere le risorse economiche al fondo di solidarietà per i reati violenti, creato proprio per i casi in cui il colpevole sia latitante o nullatenente.

E’ lunga la serie di reati contestati all’imputato: lesioni e minacce per sette episodi, cinque di questi per violenza sessuale.
Il maniaco terrorizzò la periferia sud : ora le vittime chiedono giustizia.

Leggi anche

19/10/2019

E’ morto il bimbo di 3 anni colpito da un vaso – Si è spento al Regina Margherita

Si è spento all’ospedale Regina Margherita di Torino il bambino di appena tre anni rimasto schiacciato […]

leggi tutto...

19/10/2019

Successo per la cena solidale in favore del Gruppo Abele di Don Ciotti, nella magica cornice della Certosa 1515

Grande successo per la cena solidale alla Certosa 1515 di Avigliana. Lungo la strada che porta […]

leggi tutto...

19/10/2019

“Marocchino di m….!” – Nuova aggressione razzista a Torino, pestato perché la pallina della figlia colpisce una bimba

Ancora un’aggressione di stampo razzista a Torino. L’episodio è accaduto davanti all’Ipercoop di via Livorno. Un […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy